cose così | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

cose così

S'arena in barena

con le striate vesti salate
  scrive a bocconi su grani umidi
 il racconto.
 le spossate  e arrugginite
 cime   giacciono.
al di qua l'onda ascolta.
 

leccornie

da l'ingorda via,
vile tentazione ad
occhio e naso legate,
un passo
da un baratro di sensi scossi,
se potessi 
ne farei scorpacciata

Rondini

sono arrivate all'improvviso
sebbene attese impazientemente
con quel profumo d'Africa
che noi abbiamo in mente.
come dardi sfrecciano
sfiorano l'erbe fresche
dei campi mézzi d'acquerugiola
che la stagione abbondante dona.
e su nel cielo ripulito ora
nell'odore di lavato appena
timpano dei garruli richiami
eccitate per il volo la caccia
o semplice gioia di vivere
si librano in veloci aeree esibizioni.
 
 

gioco di_versi ...

suggestioni dell'anima
eruttano tal getti di geyser
illuminano come giochi pirici
gioco di perle in fontane urbane
oppure occhi su slarghi virtuali di mondi
e cose aliene che spalancano
visioni di un altrove ideogramma
di possibile paradiso
lì appena tre pensieri lontano.
Corrono così emozioni
percezioni e sensazioni
che il piacere dei sensi
vuole dire comunicare
condividere e godere
aprendo la caccia al modo
nell'armamentario della vita
a spigolare parole rivestirle
di senso nuovo o diverso
architettarle nel canto
liberarle al vento.

Epigramma 2

 
se scelgo di me
quello da scartare
resta poco o niente ma
mi piace assai.

Sapere in realtà

sto con le braccia appese
ti leggo e penso
a quanto tempo ho perso
a rincorrere sogni
meteore come astronavi
formicai d'alieni
infantile Achille alle Porte Scee
solitario e pugnace
a improbabili guerre esiziali
mentre la battaglia
era qui nel giorno lungo
d'esistenza glabra.

Epigramma

esistono esaltanti
montagne d'amore
e inutili crateri
di dolore

Scherzo (a Paperino) Part two, sputato, alla londinese

Ecco, se ne è andato. Ha pianto pure, poverino. Si vede, che mi voleva bene.

Dov'ero rimasta? Ah si, alle doglianze: punto 4.

Dicevo, non c'è pericolo che ci capiscano; appieno intendo.

Per loro è tutto semplice, tutto lineare.

Se gli affari gli van bene, sono disposti a spendere follie, se gli van male o stanno lì lì, sull'orlo, nemmeno s'accorgono che ci sei. E non provateci a chieder loro qualcosa, ad esempio uno shampoo, che so una museruola nuova.

Li vedi ramazzare con gli occhi, infilarsi in casa ed iniziare a strapazzare il telecomando come fosse un'altra cosa.

Poi ci sono i momenti dei dubbi esistenziali, quelli in cui ti fissano ma non ti vedono, quelli in cui hai voglia a scodinzolare. Quando si chiedono:- ma io, chi sono?

Accade, più spesso, con i padroncini giovani, ma anche la mia specie non scherza, su sto punto.

Io ad esempio, mi ricordo di Toby. Sempre in depressione, quel cocker. Bellino da matti eh, ma era appena uscito dall'adolescenza.

Gli facevo un filo! Insomma, capitemi, mi guardavo intorno: quell'estate sarebbe stata la mia prima volta.

Era più basso di me il biondino, ma di un vispo che pareva dovesse partire per le olimpiadi da un istante all'altro.

Salto con l'asta!

Insomma, tanto gli son stata dietro, tanto ho fatto, tanto gli ho tolto ( tolto? Frantumate) le incertezze da intorno le zampe che alla fine...

Lo so, lo so che voi femmine non ve lo chiedete, ma i maschi, lo sanno i maschi quanto acume, quanta intelligenza e quanta sopportazione è necessaria, e soprattutto quanta determinazione, per farsi, (uhm) fare, da un tipo come quello?

Basta là.

Un giorno, era appena accaduto, tutti i giorni sgattaiolavo fuori da un buco che Paperino aveva lasciato nella recinzione per incontrarmi col mio ganzo, con quella canicola per pareva bucasse l'asfalto, non te lo scorgo dietro un angolo, indovinate a che fare?

A farmi le corna.

Lo dico piano, con gli zamponi ai lati della bocca, tanta è la vergogna ancora.

Con Bob, il cane lupo dei signori Blackpotter e, Toby, era quello davanti.

Beh, io ho continuato, gli sono passata davanti, e non li ho nemmmeno guardati tanto era il mio disprezzo.

Figlio d'un cane!

Ma guarda tu se dovevo perdere il mio tempo con uno che neanche lo sapeva chi era.

Continua

E cosi mi sovvien l'eterna felicità

Attrazione vincente del nulla
fra la punta di un tacco e i passi di una smorfia
Persuasioni di metafisica dimensione
riposano in altari sepolti
Incombi malevolo spettro di carne
cosi che Io possa farti lo sgambetto
Là, nel letto di fasce mortali
intonerò canti di aspersione disposti alle ceneri
Nella paresi di immobili vezzi visionari
divorerò il tuo ricordo
mangerò il tuo sangue avvelenato
Tesselli di ossa sbriciolati
si confonderanno all'inesaudita morte tua profana
Dolce mi pare questa uccisione carnale
a sugellar lo spirito di anime vaganti.

Quando perdo

quando perdo
quella serenità dei sensi
che la tua presenza o il sogno
la notte mi consentono quieta
non mi basta continuare
ad intrecciare la canapa
della lunga corda
di vicende
che ormai mi lega
a questa vita.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 9 utenti e 3632 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • Silvia De Angelis
  • Grazia Denaro
  • Ezio Falcomer
  • live4free
  • vinantal
  • ferry
  • sapone g.
  • Bowil