Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

cose così

il poeta di Freud

scende dalle gole estatiche della mia disperazione
l'ultimo sogno di felicità.
come mutilato dall'impotenza di essere piccolo

contraddizioni

è buffo pensare agli scoppi di pistola
di chi non c'è più
 
ogni proiettile è palpabile

sul futuro e il passato

stride sullo scheletro dell'ieri
il furioso avvento del mondo venturo.
ci sono cose che i veggenti 
non potranno mai raccontare.

a mio padre

voglio raccontarti della solitudine
che si legge negli stipiti della credenza,
dei mille alfabeti della casa
che non hai mai conosciuto

il fallimento del poeta

uno strumento di parole e ritmo,
dio mio,
usato solamente per non impazzire,
uno strumento affilato 
come la carta del giornale,

Fiore d'acqua

42334828_2021610994527917_921151299649536000_n - Copia.jpg
Quale grazia ergi
dalle acque lime
sullo stelo possente
tra slargo lucore di foglie
il tuo calice sinuoso

Cose così [nel parco]

Nell’essere distesa, la terra ricamava il campo di zolle,
sollevata e rivoltata dal giogo.

fiore d'autunno

fiore d'autunno
la morte cade dai rami
il bambino svanisce nel pozzo
non è più vergine
l'anima che resta.

Cose così [tra le pagine di tutti i libri]

Tornerai nelle parole, tra le pagine di tutti i libri, capace di tenerezze come pochi.
Potrò respirarti sulla bocca confusa dai baci e percorsa dalla tua lingua pungente.

Cose così [sul profilo di una goccia]

Sul profilo di una goccia che riflette il cielo, silenziosa e buia, mi guardo dentro.
Abito nelle stanze dove sono alberi in fila e fili d’erba appena piegati.

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1866 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • Marina Oddone
  • sapone g.