Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

introspettiva

Dalle ore 24 alle 0:6 del 25 Aprile

Luce del mattino s’impone,
ho! ... , guarda,
sorge un’altra alba.
Connessione confusa
tra strategie di geometriche attese
di quinte aristocratiche vuote
stanche di pseudo ambiguo intellettuale narcisismo
lattescente visione di volti e corpi neutrali

opposizione

Perché ti risvegli dal lato opposto della vita
nell’incognito pensiero che nulla prova
che tu sia vivo nell’oscuro giorno del mortale respiro
qual è l’ingresso che non appare alla cecità del sapere
dove il tempo batte la sua angoscia immortale
e si dispera che il morire del presente non esista

Dei miei giorni, dei muri e di strade strette

 
dei  miei giorni
[appuntati di schiena ai vetri]
ascolti l'immobile misura

Mamma

Cerco nella mia mente confusa

Un ricordo tra i tanti che allontano dal cuore

Il profumo dell’orzo maturo ed il rosso dei papaveri

In un giorno felice lontano nel tempo

Il grigio dei tuoi occhi che mi scrutano l’anima

Il tocco della tua mano sulla fronte sudata

E c'era sempre poco, anzi meno

è tarda l'ora, questa
per toccarci d'amore, i fianchi
o soltanto la corda più bassa, di voce
 
ah! se ti ho aspettato
dentro le rivoluzioni
di quante ellissi coincise
 
e c'era sempre poco, anzi meno

Rudra

A quale Tu arrivare? Le vie del cuore a volte sono difficili.
Il mio cuore è freddo e malato.
La mia anima di un blu cobalto con strie di nero
 
Hanno paura della noia, gli Altri.
Noia affogando nella mia gelatina narcotica,
vita catatonica, priva di emozioni.

Amo - Voce del verbo imperfetto

Canopo

Danzano fra coriandoli di ammoniaca
le fate del trapasso
si nutrono dell’ombra della notte
stridono i gangli della mano meccanica
che arpiona gole di predestinati
a placare gli dei.

 

dove si leva, d'orgoglio la prima stella del mattino

dimmi, lo chiedo
[e ho poca voce, ormai]
alla conoscenza delle tue vene
 
dove germina la punta di luce
che attraversa la mia attesa?
 
ho sentito il sillabare di accenti
levarsi a calice, nei tradimenti di mille albe

Nel segreto del cuore

tenere in serbo scomparti
colore del vento che oblìa
memorie: rossi
come il sangue della passione
verdi come le prime primavere
azzurri come il manto di madonne
 
custodirvi gocce di poesia
cavalli di nuvole ed arco

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 10 utenti e 2785 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • taglioavvenuto
  • ferdinandocelinio
  • live4free
  • Antonio.T.
  • luccardin
  • ComPensAzione
  • sapone g.
  • Salvuccio Barra...
  • gatto
  • voceperduta