Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

Trase passo e ghiesce

Comm'o sole 'e vierno
ca pe' dint 'e nuvule và e vène
comme viénto che passa
pe' vico addò manche aria

Te t'an fe fadiga

T'an fe fadiga, te
a zirem
t'la testa

'Na vita degna

'Na vita degna
Di Ernesto Rivabene
 
La vita è 'na cosa Santa
nun se stappa come si fosse 'na Fanta.

Ad fadiga ostcia d' un Mallarmè

Ad fadiga ostcia d' un Mallarmè
 
Quent us vo' ben, senza
'e sestent, senza la bosla

BUON NATALE (acrostico)

BUON NATALE (acrostico)
 
Bammeniello ceceniello
Uocchie d'oro alleccatiello
Ogge 'o core mio se schianta:

Arte

Senza un segno né lungo né breve
alla parete un quadro, tutto bianco.
Forse l’autore si sentiva stanco
così l’aveva intitolato... neve!

Er canarino mio

Er canarino che ciò chiuso in gabbia
da tanto tempo, ner vede’ ‘sta scena
me da l’idea che canta pe’ la rabbia

Amore amore... amore?

De quell’amore
durato la lunghezza de ‘n sospiro,
ormai nun me rimane che er ricordo.
Er tempo passa e io nun me lo scordo.

Povesia (al tramonto)

Er sole se ne scenne piano piano,
er cèlo a poco a poco se fa rosa;
lo sguardo spazzia in celo senza posa
senza sazziasse e se ne va lontano.

L'onestà de zio Filippo

Un giorno zi’ Filippo
-òmo de tutto còre-
s’accorse che a un signore
faceveno ‘no scippo.

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2026 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Antonio.T.
  • gatto
  • live4free