Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

Quattro giorni in barella

Quattro giorni che sto su ‘sta barella
che je pijasse a tutti ‘n accidente.
Io strillo e nun me fileno pe’ gnente

La bambola erotica

Porca la vacca sicché belle tette;
che culo scicche, bello, sodo e tonno;
che belle cosce... la fine der monno.

Oltre (dedica

Cerca’ l’amore è forse un utopia?                       &nbsp

Cercanno un sogno (dedica)

Quanno me vie’ a manca’ l’ispirazione                  

S'omine e su male

1
Coro male assortadu
chi no as mai pache in custa vida
finas disamparadu
non bides mancu in ue siat s’essida
e tando irvariadu

Gnente se spreca (natura)

Ecco, questa è la storia de ‘na foja:
stava attaccata a un ramo
fin dar principio de la primavera
a rimirasse er paesaggio intorno.
 

Riflettenno

Me piacerebbe de sape’ chi fu
er primo che parlò der Paradiso
che disse: l’ardilà pe’ due è diviso

Carne umana

Affratellati da la stessa carne?
Uniti ner medesimo destino?
Me riccommanno, annamoce pianino;
stamose carmi e voi, stateve carme!
 

Er pennacchio der somaro (bestie parlanti)

Un cavallo e un somaro ne la stalla
-doppo ‘na giornataccia de lavoro-
staveno discutenno tra de loro
pensanno ar modo de poté spuntalla.

Ogni scarpa addiventa scarpone

Ogni scarpa dice ‘o proverbie, addiventa scarpone
si però diche je baste ca ‘o pere dinte reste guaglione

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2693 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • ciommo82
  • Andrea Occhi
  • sapone g.
  • Antonio.T.
  • ferdinandocelinio