Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

Evoluzione

‘Na favola a rovescio: un tempo c’era
un pianeta che in celo avea tre lune
quello era la Tera.
Chi lo creò quer giorno c’ebbe er lume

A chi me lo domanna

Oggi vojo risponne a chi l’aspetta;
a chi me fa’ la solita domanna
e lo vojo fa’ bene, senza fretta
speranno che quarcuno nun me manna

Vivi la vita

Ciai quarche cosa che te brucia in còre
e pe’ questo la voressi fa’ finita?
Ma ciai pensato che in fonno la vita

La scala

De sta’ ar de sopra de la bestia dice
l’òmo, che se fa tanto inteliggente.

Er bove... pio

Belle parole che quarcuno ha scritto:
T’amo pio bove e mite un sentimento
de pace e de vigore ar còr m’infonni.

Er baciccia

Da tempo ho fatto ‘n voto:
qualunque vento tira
fino che er monno gira
lo lasso gira’ a vòto.
 
Io seguo la corente.

Distanze (filo...sofia)

Er cammeriere der Marchese Brija
-servitore integgerimo e fidato-
è ritenuto da tutto er casato

Rime fasulle

Tra còre e amore
tra conto l’ore e fiore
sarebbe da insericce  “pe’ favore”
un fine dicitore
 

'A ciaccarella

Quanno nascimme tenimme 'ndote 'nu gioiello.
'A femmena porta 'a ciacchera, 'o masculillo 'o pisello.
'A nucchetella rosa è p'â femmenella 'e mammà, Leggi tutto »

'E ppalle

Quanta pallune 'ncielo, sciusciate d'ô viento sfastediato,
chine d'aria s'abboffene comm'â mungulfiere 'nturzate.
Ponn'essere verde, gialle: vottene sulo aria. Songo 'e ppalle. Leggi tutto »

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2688 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • ciommo82
  • Andrea Occhi
  • sapone g.
  • Antonio.T.
  • ferdinandocelinio