Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

Lamento der poveta

 
Me piacerebbe de tornà chi ero,
quanno scrivevo cose più leggere;
quanno spaziava libero er pensiero

A zir

A zir sta nota
a zir     a zir
A cmand.
 
Du ca' finirò   sta nota.

Carpe diem

Quanno l’amore viè a bussà a la porta 
o giovani donzelle, o quasi vecchie
levateve li tappi da l’orecchie 

Er merlo parlante

 
Sto chiuso in gabbia e, quanto me ce rode…
M’hanno insegnato pure a parla’ bene.
Nun faccio che riceve’ encomi e lode

L'uccelletto (dopo la prima notte de nozze)

 
 
Lei sta in finestra e sta fissando un ramo.
Lui s’è appena svejato e je va accanto,

Autunno (da 4 stagioni)

Autunno (da 4 stagioni) N°3
 
Ecco, pure l'estate se n’è annato 
da li rami già cascheno le foje,

Ad nota us ved

Ad nota us ved; t'ved
al steli che 'e de l'i gné
t'ved al femni che un è

Sbat 'e caz

Sbat 'e caz
 
Al so, v'ut ca ne sava
Aristotele l'arivò che al cherti

Na bocca

Na bocca; la ha piant
l'utma e la preima volta.
Cus us può di'
c'u gnè gnent t'e mez?
 

An t'artrov piò

An t'artrov piò, am guerd in zir
a zur at guerd, ma l'anma ca malediva

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2688 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • ciommo82
  • Andrea Occhi
  • sapone g.
  • Antonio.T.
  • ferdinandocelinio