Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia dialettale

'A ciaccarella

Quanno nascimme tenimme 'ndote 'nu gioiello.
'A femmena porta 'a ciacchera, 'o masculillo 'o pisello.
'A nucchetella rosa è p'â femmenella 'e mammà, Leggi tutto »

'E ppalle

Quanta pallune 'ncielo, sciusciate d'ô viento sfastediato,
chine d'aria s'abboffene comm'â mungulfiere 'nturzate.
Ponn'essere verde, gialle: vottene sulo aria. Songo 'e ppalle. Leggi tutto »

Lamento der poveta

 
Me piacerebbe de tornà chi ero,
quanno scrivevo cose più leggere;
quanno spaziava libero er pensiero

A zir

A zir sta nota
a zir     a zir
A cmand.
 
Du ca' finirò   sta nota.

Carpe diem

Quanno l’amore viè a bussà a la porta 
o giovani donzelle, o quasi vecchie
levateve li tappi da l’orecchie 

Er merlo parlante

 
Sto chiuso in gabbia e, quanto me ce rode…
M’hanno insegnato pure a parla’ bene.
Nun faccio che riceve’ encomi e lode

L'uccelletto (dopo la prima notte de nozze)

 
 
Lei sta in finestra e sta fissando un ramo.
Lui s’è appena svejato e je va accanto,

Autunno (da 4 stagioni)

Autunno (da 4 stagioni) N°3
 
Ecco, pure l'estate se n’è annato 
da li rami già cascheno le foje,

Ad nota us ved

Ad nota us ved; t'ved
al steli che 'e de l'i gné
t'ved al femni che un è

Sbat 'e caz

Sbat 'e caz
 
Al so, v'ut ca ne sava
Aristotele l'arivò che al cherti

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2742 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sapone g.
  • Bowil
  • Fabrizio Giulietti
  • ferdinandocelinio
  • live4free
  • Grazia Denaro
  • taglioavvenuto