Frammenti di Rossovenexiano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

L'Ultimo Velo di Antonella Iurilli Duhamel

L'Ultimo Velo di Antonella Iurilli Duhamel

 

Tutti erano lì a chiedersi: “Perché?
Perché una sposa così bella, con un magnifico abito e un fragrante bouquet di rose rosse e tuberose, fosse fuggita dalla chiesa in modo tanto repentino quanto bizzarro. 
Nel momento in cui avrebbe dovuto pronunciare il suo Sì, si era messa a tremare come una tarantola impazzita strappandosi tutti gli abiti di dosso.
Poi come un animale braccato si era precipitata di corsa fuori della chiesa e, man mano che riusciva a liberarsi delle parti che componevano la sua immacolata veste, le lanciava più in alto e lontano possibile, quasi che avesse voluto porre tra lei e loro una incommensurabile distanza. 
E intanto, uno ad uno, tutti veli ritornavano lentamente a terra posandosi sul prato con la stessa grazia e leggerezza di un fiocco di neve.
Testo e illustrazione di Antonella Iurilli Duhamel sfogliabile qui
L’ultimo velo scritto ed illustrato da Antonella Iurilli Duhamel. È una fiaba alchemica in cui  il velo diviene il diaframma tra la vita e la morte,  il passaggio  attraverso il quale si compie la nascita di una nuova identità femminile.
Il velo assurge nella pienezza dei suoi molteplici significati protettivi e oppressivi e trasgressivi: velo come seduzione, oggetto di desiderio e allo stesso tempo,  inquietudine, inconciliabilità.
"L’Ultimo Velo", è  baluardo  conclusivo di un’anima che ambisce a divenire se stessa  e si spoglia con dolore  di tutti i retaggi che le sono stati imposti da suo ambiente.
 
 

Cerca nel sito

Accademia dei sensi

 ♦sommario♦

a cura di Ezio Falcomer

♦Compagnia di teatro sul web Accademia dei Sensi♦

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2332 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry