Frammenti di Rossovenexiano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Metrica orientale - Haiku e altro

HAIKU
 

L’ Haiku è un componimento poetico rigorosamente composto di tre versi rispettivamente di 5 – 7 – 5 sillabe. Deve contenere il Kigo (un riferimento alla stagione) o il Piccolo Kigo
(un riferimento ad una parte del giorno)

 

SENRYŪ
 

Il Senryū è un componimento poetico rigorosamente composto di tre versi rispettivamente di 5 – 7 – 5 sillabe che non contiene il Kigo, né il Piccolo Kigo.
 

HAIKAI
 

L’ Haikai è un componimento poetico rigorosamente composto di tre versi rispettivamente di 5 –7 –5 sillabe con connotazione decisamente umoristica, comica, demenziale. Può o no
contenere il Kigo o il Piccolo Kigo. Non bisogna confonderlo con l’haiku pervaso dallo stato d’animo Karumi (la delicatezza, la leggerezza, l’innocenza, il piccolo sorriso, la piccola ironia, il piccolo umorismo, la visione leggera, fanciullesca, libera dal peso della cultura e della tecnica). Nell’haikai la connotazione umoristica è decisamente marcata.
 

HAIBUN

è un componimento poetico costituito da parti in prosa intercalati da haiku o senryu.
In genere è il resoconto di un viaggio. Il testo in prosa è asciutto, essenziale, semplice.
Gli haiku che lo intercalano non sono il riassunto di ciò che è stato scritto in prosa, ma aggiungono altri significati e lo completano. Famosi gli Haibun del poeta Basho.
 
 

HAIGA

è ogni composizione poetica (Haiku, Senryu, Haikai) abbinata ad una immagine.
L’immagine può essere una fotografia, un disegno, una pittura, un pittogramma, un frattale,
un film, e qualsiasi altro genere di “immagine”.
 

RENGA

Col passare del tempo, questa struttura si frammenta in una serie di battute, raggiungendo i suoi apici nell'XI e nel XII sec., sino a divenire una sorta di dialogo virtuosistico in versi tra un poeta che compone la prima strofa, ed il suo interlocutore che risponde con la seconda. Ad essi si aggiungono via via altri partecipanti, trasformando il tanka in un kusari-renga, ossia una poesia a catena. Ciascuna strofa deve richiamare solo quella precedente, creando così un variegato movimento all’interno della composizione, che poteva raggiungere le oltre cento strofe, seguendo un meccanismo simile a quello delle scatole cinesi. Già da questa fase, si può comprendere l’importanza della prima strofa, che finirà poi per emanciparsi prendendo il nome di hokku. La composizione della prima strofa, essendo la principale dell’intera composizione, veniva generalmente affidata al poeta più esperto, sancendone l’autorità e la bravura.

Inizialmente destinato solo all’ambiente della corte, il renga divenne così popolare da diffondersi anche al di fuori, riscuotendo successo ancora una volta: nasce così il chika-renga, ossia le composizioni redatte da persone non nobili. Da tempo, per reazione ai rigidi canoni della poesia tradizionale, si era sviluppata una certa insofferenza per le regole. Nuovi contenuti e nuove forme si svilupparono, liberandosi, almeno in parte, dalle convenzioni e dai manierismi, lasciando spazio alla spontaneità: ecco quindi l’haikai-no-renga¸diffusissimo nel XVII secolo, in cui lo stile sia abbassa sino a divenire umoristico e leggero (mushin, "senza cuore"), a volte persino triviale.

 
 
TANKA
 
Il tanka è formato da 31 sillabe, distribuite in 5 versi secondo lo schema 5,7,5,7,7 e costituisce un piccolo poema, e questa sua brevità gia di per sé costituisce un elemento di bellezza (poiché, secondo Sei Shonagon, "tutte le cose piccole sono belle"). I primi tre versi del tanka costituiscono il kami-no-ku (lett. "parte superiore"), e gli ultimi due il shimo-no-ku ("parte inferiore"). Le due parti devono risultare contrapposte.
 

GIANUHAIKU

E’ un componimento poetico, proposto negli anni ’70 da Pietro Tartamella, formato da una
coppia di Haiku, o Senryu, o Haikai, strettamente connessi.
Il primo Haiku della coppia è detto “principale”, il secondo Haiku è detto “frontale”.
L’Haiku principale è formato da 5-7-5 sillabe.
Caratteristica dell’Haiku frontale è quella di essere composto con le stesse identiche lettere
alfabetiche (non sillabe) che compongono l’Haiku principale.
L’Haiku frontale può non avere più la scansione di 5-7-5 sillabe.
Il secondo Haiku, quello frontale, esplora i contenuti semantici trasversali, i significati
subliminali nascosti nella sostanza sonora di cui è composto l’Haiku principale.
 

HAISAN

E’ un componimento poetico formato da tre versi.
Il termine è composto dall’unione della prima parte della parola Haiku: HAI e dalla parola
SAN che in giapponese vuol dire TRE. Quindi semplicemente “tre versi”.
Sono gli haiku liberi, che non rispettano le sillabe, che non rispettano il Kigo. E’ un termine
migliore di “pseudo-haiku” o “quasi-haiku” o “haiku impuro” che in qualche modo
esprimono un giudizio negativo, quasi definendo con un risolino l’intenzione del poeta che
voleva scrivere un haiku ma non ci è riuscito. La parola che proponiamo non ha connotazione
negativa. Rispetta la scelta dei poeti che vogliono scrivere haiku moderni, con sillabe libere e
senza essere vincolati dalla stagione. Ci sembra opportuno dare dignità a questa forma di
poesia che molti poeti occidentali, ma anche giapponesi, hanno scelto consapevolmente e che
con vigore propugnano. Ma ci sembra anche opportuno non chiamare questi componimenti
Haiku. Il termine Haisan, che proponiamo, ci sembra dignitoso e appropriato, e rispecchia la
volontà degli Haijin che hanno scelto questa via.
8) il componimento Haiku deve essere composto inderogabilmente da tre versi
9) il primo verso deve essere composto inderogabilmente da 5 sillabe
10) il secondo verso deve essere composto inderogabilmente da 7 sillabe
11) il terzo verso deve essere composto inderogabilmente da 5 sillabe

SILLABE ORTOGRAFICHE – SILLABE METRICHE

 
 

Per il conteggio delle sillabe distinguiamo un conteggio ortografico (numero reale delle sillabe) e un conteggio metrico (che tiene conto dei versi tronchi, dei versi sdruccioli, delle
sinalefi interversali, della crasi, dello iato etc.). Riteniamo che nella composizione di Haiku
l’autore ha la libertà di conteggiare a piacere le sillabe: con il criterio ortografico, o con
quello metrico. Il criterio metrico è quello che riteniamo si debba preferire. La possibilità di
usare anche il criterio ortografico ci sembra opportuna per salvare Haiku bellissimi che a
volte per una sola sillaba potrebbero non rientrare nello schema classico.

 

CRASI

All’interno del verso, là dove si forma una crasi, si può conteggiare una sillaba in meno.
Le sillabe possono essere conteggiate ortograficamente o metricamente (la lettura ad alta
voce nei due casi darebbe al verso una scansione e un ritmo leggermente diverso).
Per chiarire il concetto prendiamo il verso:
lasciami andare
Se conteggiamo le sillabe ortograficamente, esse sono 6:
la – scia – mi – an – da – re
  1      2         3      4       5      6
Se le conteggiamo secondo le regole della metrica, formandosi una CRASI tra le sillabe
mi^an (che diventano una sola) il verso risulta di 5 sillabe.
la – scia – mi^an – da – re
1        2           3         4     5
 

Cerca nel sito

Accademia dei sensi

 ♦sommario♦

a cura di Ezio Falcomer

♦Compagnia di teatro sul web Accademia dei Sensi♦

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2918 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry
  • luisa tonelli
  • Gigigi
  • Salvuccio Barra...
  • ferdinandocelinio