Frammenti di Rossovenexiano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Pier Paolo Pasolini - Canzone - da: La meglio gioventù

Lasciato nella memoria a logorarti, e nella lontananza a splendere, io 
mi ricordodi te, senza pena, senza speranza. (Si fa sempre più silenzioso e alto il mare degli anni; e i tuoi prati pieni di tempo ormai arso, i tuoi poveri venchi rossi di un morto riposo, sonosull'orlo di quel mare: perduti e non pianti). Lasciati là sconosciuti, in campi stranieri dopo che tanto intorno ad essi ho spasimato di amore per capirli, per capire il povero, lucente e duro loro essere, si sono chiusi con te i tuoi uomini sotto un cielo annuvolato. […]

 

 

 

    • Lassàt in tal recuàrt 
      a fruvati, e in ta la lontanansa 
      a lusi, sensa dòul jo i mi inpensi 
      di te, sensa speransa. 
      (Al ven sempri pì sidìn e alt 
      il mar dai àins; e i to pras plens 
      di timp romai àrsit, i to puòrs vencs 
      ros di muarta padima, a son ta l'or 
      di chel mar: pierdùs, e no planzùs). 
      Lassàs là scunussùs 
      ta ciamps fores-c' dopu che tant intòr 
      di lòur ài spasemàt 
      di amòur par capiju, par capì il puòr 
      lusìnt e pens so essi, a si àn sieràt 
      cun te i to òmis sot di un sèil nulàt. 
      […]
 
 
 
Pier Paolo Pasolini da "La meglio gioventù"

Cerca nel sito

Accademia dei sensi

 ♦sommario♦

a cura di Ezio Falcomer

♦Compagnia di teatro sul web Accademia dei Sensi♦

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 1568 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • Salvatore Pintus
  • ferry
  • ferdinandocelinio
  • vinantal
  • live4free
  • RobertoM.
  • Sara Cristofori