divinapura | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

divinapura

Boldini -Naked Young Lady- ©Paolo Sprega

 

Infiammo

Nel prestigio
Servigio
Della tua pelle
Annego il tempo
Abbeverandomi di te
China
Scivoli sul mio letto
Come una legge divina
Spiro
Nel giorno
Il fragile fiore
Che si apre a me
Bocca
Nel sonno ridi
Sbavando
Nello scoglio
D’inquietudine
Ti doni a me
Bruciando
Al sole
Le tue natiche
E
Godo
Dell’immenso amore
Di un fiore
Ripiegato a metà
Che
Insegue
Il sole
Che
Mai tramonterà
Per te per noi…per tutte le donne…le vere amanti della vita…

 

Avvolgimi

erotismo
spirito tuo
variopinto
passante
che
sfiori
leggiadra mano
avvolta
nelle folli vesti
del
desiderio che infuria
negli infiniti pori
ustionati
dalle tue mani
intreccio di dita
avvolgimi
dilagando
il cuore
di chi ti ama

 

Scrivo per voi

scrivo per voi
varco dune
di seni
femminea statua
tra cielo e mare
mi invagino
in te
respirando
tra le tue labbra
il sapore
del vento
che mi porta via
scrivo per voi
trasportando
i sensi
nella tempesta d'amore

 

Amor terreno

trafitta di luce
irradio
i suoni
della terra
apice
di amor
che vive
nell'ombra
di ansimi
zelanti
che
nel cuor
di fuoco
sforano
la tua prigione
di amor ardente

 

La seduzione

bellezza
di punta
sinuosa
figura
traballante
in un ancheggiar
di fianchi
tra
pizzi
che mordono
il verginal sorriso
di labbra
che
sfiorano
la seta
scivolosa
riempio
la mia vita
stretta
tra
la voglia di me
ancorata
a dei takky
che
echeggiano
fluendo
tra
la nuda pelle
avvolta
nel sogno
della vita

 

Mi svelo

riflessi
che precipitano
in baci
frenetici
amore
vizio
che mi rode
sverginando
il piacere
di tela
che mi incrosta
la pelle
e precipito
nella mano
bagnata
che si stringe
in me

 

Amore

il volto segnato
e' il tempo
che scorre in te
goccia oceanica
che vaghi
immersa nell'oblio
del giorno
che sbatte
dentro il tuo corpo
osi
e accarezzi
le gambe
aliti
gemiti
ti percorrono
mentre sfili
le calze
dorate
ti percorri
ti sfiori
amore
quanto tempo
tra una cartolina sbiadita
mi immergo
e mi sazio della visione
muta
amore
le tue grida
il tuo sapore
l'odore del ventre
che bramava
amore
languido
e sfatto amore
ricompongo il tempo
e scivolo
su di te
bagnando le ore
che mi separano
dalla lingua
che sento
insaziabile
dentro me
amore

 

Quando

brivido
vicinanza di pelle
profumo succoso
fianchi
dita
che indugiano in me
penetrando le sfere delle dee
ombrose labbra
che stringono la saliva
in ragnatele bavose
mi pizzico il cuore
fluorescendo a getti
gingilli luminosi
quando mi sfiori
allargo le natiche
ed entri in me
limpida
fresca
vergine
che sgorghi con zampilli
di rugiada
sfili la mano
e osi
il peccato che ti confessò donna
spalmami
con la lingua
i contorni del mondo
quando la gola implora
saziami
affondati in me
aspirando
ingoiami
con tocchi concentrici
danza orgiastica
invaginata
quando
la vita
respira

 

L'estrema bellezza dell'essere

non perdo il tuo sguardo
annego il sorriso
tra le tue labbra
sanguinante
irrequieta
gocciolo amore
dalla tua lingua umida
predatrice
non pago
sazio
le languide voglie
dell'amante nascosta
rinchiusa e scoppiata
tra la tua nera flora

 

Goccia errante

bocca ansante
flaccida
rugiada colante
delizia succosa
sepolta
nella pietà osculante
sei caduta
come goccia errante
tra le ire del mondo
disegni la tua forza
dentro di me
mentre ti inarchi
in gemiti
inebriando il mondo

 

Scrivo per te

scrivo per me
demone o santa
divina
o maligna
scrivo
per lisciare la tua superficie
frutto o fuoco
succo morbido
rugiada di bava deliziosa
scrivo per me
per non dimenticare
la pieta' buia della tua bocca
risucchiata
dalla saliva gelida
scrivo per te
creta modellante
dalle mani sapienti
strizzami
non lasciarmi morire
odori
spruzzi
liquidi orgiastici
e sento
la fibrilla devastante dei tuoi nervi
scrivo per te
fremito solenne di una statua nera
che aspetta
attende
il suo divenire donna

 

Insaziabile

insaziabile
odore del corpo
che emana
limpide gocce
risucchiate
dal profumo
che evapora
mi inonda di te
insaziabile
corpo
che migri
tra le lenzuola di seta
strisci
spremi
impennando
liscia la pelle
che scivola
oltre i tremiti
che affondano
sul corpo
vigile
insaziabile
desiderio
avvolgo
accompagnando
l'ombra
del tuo destino
l'ombra amante
sospinta
da un onda impetuosa
ti sorprendo
nell'estasi
di fiotti impuri
che
scivolano
tra
la carne
tumultuosa
che
muore
in te
Infiammo

 

 

 
 
-Associazione Salotto Culturale Rosso Venexiano
-Direttore di Frammenti: Manuela Verbasi
-Redazione
-Segreteria: Eddy Braune
-Selezione Opere: redazione
-Autore di Rosso Venexiano  ©divinapura
-Editing Manuela Verbasi, Emy Coratti
-Immagine grafica: Paolo Sprega su opera di Boldini -Naked Young Lady-
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1983 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.