Mi' nipote Lalla - romanesco | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Mi' nipote Lalla - romanesco

   © Beppegiamaica 
 
Mi' nipote Lalla. Nun c'entra niente co ' la foto, a scanso de equivoci. Nipote Lalla è  troppo forte. Ner senso che a casa sua so' sette maschi e lei è l'unica femmina, nun contando la madre. E li magnifici sette, nun se regolano ner parlà. E mi' nipote nun se regola manco lei, che se fanno li mondiali de parolacce è sicura medaja d'oro.
 

Che è 'na cosa de famija. Quando ero piccolo, stavo 'n villeggiatura ar paese de' mi madre. A la festa der Santo Patrono, 'n barbaciano co' 'no sguardo cupo e du' guance che' pareva uscito da' 'na vita de stenti, de diete e de digiuni, 'nvece der solito cantante avevano 'nvitato Bombolo, quello che recitava co' Thomas Milian nei film der Monnezza

Zi' prete, moralista, je fece er predicozzo.

"Nun devi da usà le parolacce, che ci stanno parecchie criature. Diceva nostro Signore a li quindici apostoli, che chi scandalizza li pupetti, dovrebbe appendese 'na macina da mulino ar collo e buttasse ar largo de Ostia"

Zi' prete era bono e caro, però se l'avesse riletto co' 'n po' più de attenzione er Vangelo, nun avrebbe fatto 'n soldo de danno. Bombolo je diceva de sì, promettendo de limitasse.

Dall'  oratorio arrivarono grida. 'Na discussione, arquanto colorita e animata, su 'n pallone bucato. I solito porco la. porco deqqua, porco su e poco giù. Niente de che, 'nsomma.

E Bombolo commentò

'Tze, tze, zi' pre' se la mettemo sulle parolacce, io sto alle elementari e quelli so' professori universitari. Ah regazzì, e sciacquateve 'sta bocca'

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2522 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sapone g.
  • ferry
  • live4free
  • Grazia Denaro
  • Bowil