Pe nnun dí cculo - poesia nazional popolare in romanesco | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Pe nnun dí cculo - poesia nazional popolare in romanesco

 Pijjate e ccapate
Pe nnun dí cculo, ppòi dí cchiappe, ano,
preterito, furello, chitarrino,
patume, conveggnenze, signorino, 
mela, soffietto, e Rrocca-Canterano.
Di’ ttafanario, culeggio-romano,
Piazza-culonna, Culiseo, cuscino,
la porta der cortile, er perzichino,
bbommè, ffrullo, frullone e dderetano.
Faccia de dietro, porton de trapasso,
er cularcio, li cuarti, er fiocco, er tonno,
e ll’orgheno, e ’r trommone, e ’r contrabbasso.
E cc’è cchi lluna-piena l’ha cchiamato,
nacch’e ppacche, sedere, mappamonno,
cocommero, sescesso, e vviscinato

Prendete e capàte
Per non dire culo, puoi dire chiappe, ano,
preterito, furello, chitarrino,
patume, convenienze, signorino,
mela, soffietto, e Rocca-Canterano.
Di’ tafanario, culeggio-romano,
Piazza Culonna, Culiseo, cuscino,
la porta del cortile, il perzichino,
bombè, frullo, frullone e deretano.
Faccia di dietro, porton di trapasso,
il cularcio, i quarti, il fiocco, il tondo,
e l’organo, e il trombone, e il contrabbasso.
E c’è chi l’ha chiamato luna piena,
nacch’e ppacche, sedere, mappamondo,
cocomero, secesso, e vicinato.
 

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1330 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Aug94
  • ferry
  • Antonio.T.