Scelti per voi

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Perle di Poesia 59

 

E tutto d’insieme
il mò, l’umido, lo spoglio,
il cingolato
che ancora, e ancor, fatica
che a mente prende

  

 

Aghi di Ghiaccio, Cuore d'Azzurro

Stanche di sconfitta,
le ombre dei giorni
indossano pensieri
di luce vergine,
stesi sulla neve fresca,
che, a dicembre,
attende ancora
comete senza tempo,
a tracciare la vita
mentre grida il suo bianco,
l'inverno che corre.

Angeli o fantasmi,
la voglia di mistero
ricama i sogni più strani,
dov'è curvo l'orizzonte.

©Axel

 

 

 

Il futuro ha mani bellissime

Sento quasi le tue dita
schiudermi i capelli
Sono nuvole arruffate
assetate di quella pioggia
che, da sempre, battezza il mondo.

Non ti dirò mai
di fermarti prima del piacere
sarebbe come sfrattare
l'amore dalle mie labbra

©MaLaLingua

 

 

 

Germogli

Ora i miei anni
odorano di fresco,
custodiscono la vita
nel cavo di una mano.

Le albe parlano di luce
correndo a piedi nudi
fra papaveri di sogno.

Non più il pianto
sui trifogli e,
sulle pavide ginestre
che lasciava sulla pelle
pozzanghere di nulla.

Al mio domani
il senso della vita.

©iry50

 

 

 

Non mi lascerete

Non mi lascerete
in questa pelle
in mezzo a luci di conchiglia
a girare su profili di cielo,
con un silenzio da schiantare
nelle astuzie della polvere.
Toglietemi la vostra giacca
d'incenso,
il furore assurdo,
l' intreccio di logiche assenti.
E' covo di lampioni
e di tendini sacri
il grigio che sale in labirinto
agli occhi.
Dal nulla una formica
di sangue
parla al cemento robusto
della mia mente.
Ancora delle follie
a fecondare saliva
e l'urlo della sorte.
Quando il corpo si stacca
dalla sua sabbia
la mia natura si sgretola
e la ragione m'ignora.

©michelazanarella

 

 

 

Nient'altro

Nient'altro prima,
dopo nient'altro.
Non mi verrà ridato indietro il tempo
che corre inesorabile e semina memorie,
né quei tuoi occhi che ricordo immensi
fissarmi come se si fosse aperto il cielo.
Mi accorgo solo ora che non ho avuto scelta,
per la paura di mostrare fragilità infinite
e che ho pagato un prezzo troppo alto
per un incerto no rotto dal pianto.
Dopo di te nient'altro,
nient'altro prima.

©Azriel

 

Ombre, e nel nulla la quiete, oscura, risuona:
lanciammo ai muri quegli ultimi messaggi
d'una sera.

 

 

Il bianco copre le macchie di vita

Il freddo portava buone notizie,
la neve cadeva e copriva tutta la campagna,
bianco il mondo si fermava sotto la coltre.
Le campane rintoccavano al vento sibilante
che rispondeva colpo su colpo al battacchio,
poche persone sostavano lungo la strada tali
le rovine del mondo erano socchiuse, ereme.
Parlavi quando la sera arrivava ai gelsomini
ed il profumo sostava a lungo sulle tue mani,
le guardavi, desiderando il sole caldo adesso,
scioglierti aprire i pensieri ed i sorrisi, celati.
La mente agitata, il tuo corpo vibrante, i sensi
stornati tra mille pentimenti.. e dannavi.
Cos'è l'amore!!
L'anima tua deserta di sole ora ferita dal rancore.

©matris

 

 

 

Volendoti cercare

Volendoti cercare
incalzando momenti eterei
annichilendomi a te
indomita dolcezza Eterna

Delicato sentire
nella tua bocca inginocchiata
gocce del mio piacere
deglutite nella Passione

Posseduto dal tuo essere Mia

©RebelliousHell

 

 

 

Disegno incompiuto

La cena è consumata
E l’ultimo ospite ha già chiuso
dietro di sé la porta

Non rimane che sparecchiare
Piegare ordinatamente
Tovaglioli e lacrime di cera

E spegnere l’ultima candela
rimasta accesa, ignara
del silenzio che ha già spento - tutte le luci

E aprire una finestra

per fare uscire il mio profumo,
disperdere i miei nastri, e i mie gessetti
tra le foglie e la neve del tuo giardino

Non rimane che lasciarti appese
le chiavi di casa e i lucchetti del cuore
e impostare nuovi orizzonti alle tue vele

E un bacio a sussurrarti in una sola
tutte le parole che non t'ho mai scritto

L' urlo disperato di un - ti amo

a inseguire l'eco che si schianta
sulle labbra di un tramontato
silenzioso, ultimo

-addio-

©Maria Grazia Vai

 

 

 

Fai quello che vuoi

perdimi trovami
fai quello che vuoi
io non sono
e se sono sono un errore

avvoltolata su me stessa
annidata
mi apro solo -a volte-

per un sorriso del corpo
non c'è altro che rida in me
ed è l'unica cosa che conti

l'anima immortale non esiste
e così non io
io no

fai quello che vuoi
dirmi non dirmi per me
non me è lo stesso

se sapessimo almeno precipitare
precipiteremmo
insieme

©francaf

 

 

 

Blitz #7

Batte nelle mie vene un tempo che andrà a scadere
sfuma nel rosso del mio sangue la dose odierna di veleno
voglio più luce nelle mie giornate
e limpide vedute di fine inverno

©poetommy

 

 

 


-Associazione Salotto Culturale Rosso Venexiano
-Direttore di Frammenti: Manuela Verbasi
-Redazione
-Autori di Rosso Venexiano
-Editing MaLaLingua e Emy Coratti
-Segreteria Eddy Braune
-Opere pittoriche dell'Artista Massimo De Carolis e testi di che ringraziamo
 

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 1373 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Fausto Raso
  • live4free
  • gatto