Scelti per voi

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Perle di poesia 44

 

Sogno N° 3457610298 bis  

Francesco Musante

 

 

Finestre

Me ne sto chiuso al buio
della mia stanza
ovattata ai tempi
vedendoti
trasognata figura bianca
che a piedi nudi accecherai
un pomeriggio finalmente
d'azzurro e sole il mio giardino
all'improvviso come una madre che
ricordi
il riposo del figlio

©taglioavvenuto

 

 

Vaniglia

A volte necessito di punti [d'appoggio come esclamazioni di leggerezza]
mentre pulisco i gomiti [dalla terra impassibile]
nutrendomi di avanzi di stelle [e rotolandomi sulle nuvole].

Voglio vaniglia sulle pupille [ed una forchetta piantata sul petto]
a raccontarmi morsi [e disincantati silenzi].

©BloodOfPandora

 

 

Circostanze strane

Circostanze strane
sentenziano nel mio sonno
come unghie sulla lavagna
la mia colpevolezza
risvegliandomi trovo un mondo
che mi sbatte fuori a calci
le grida rimbombano forti
gente vuota a guardarci
tu piena di odio e rabbia
io gonfio di catene e stupore
proclamo la mia innocenza ripetutamente
colpevolizzato ancora da te
silenzio dalle tue labbra
vorrei solo quello
per dire due parole
solo due parole
mia madre nel mezzo
l'hai allontanata a forza
occhi rosso sangue
i miei, paura, rabbia,
i suoi, paura...paura
i tuoi odio e rancore
violenze gratuite
dolore che la vince
senza nemmeno troppo sforzo
i tuoi occhi tremano
i miei li fissano
chiusi dal dolore
chiusi come te
il mio cuore si stringe ma
madre che mi difendi
tigre ferita
ferita da lei
disgusto
il mio disgusto
nel vederti ferire
ciò che mi è più caro
esagerazione
la tua
come sempre
traguardo
il nostro
raggiunto ormai
addio.

©ekolost

 

 

Stille

Il passo leggero degli spiriti
cercammo di procedere
senza renderci conto che già
eravamo morti e sepolti.
 
I nostri corpi martoriati
dal freddo e dal fuoco nemico
sotto bianchi cumuli informi
riposavano nell’anonimato.
 
Seppure fosse morbida come nuvola
non lasciammo impronte sulla neve
e non poteva essere altrimenti perché
gli spiriti non indossano mai stivali…
 
…per non lerciare la Grande Soglia.

©GRIZZLY47

 

Viaggio in un piatto di spaghetti...

Francesco Musante

 

Distanze

La non distanza
è  pregio intimo,
motore acceso,
che pressa i sensi,
odori, tocchi e assaggi,
ascolti e guardi,
esalti l’essere vivo,
tangibilità e forma,
e poco importa
dell’accadere il tempo.

©Kryapos

 

 

Fortunato naufragio

La nave sparpagliata sulla spiaggia

mentre il sole spadroneggia ovunque.

Un cambio favorevole

la vita qui

al posto di una vecchia biografia
invalidata dagli ultimi eventi.

© catpoet

 

 

Dinamica dualistica

Dinamica dualistica
visione,
divido il viso
con un taglio netto,
la mela acerba
al palato.

©Keitha

 

 
 

 

Sintesi del sintetizzabile

Direi del mio futuro, che niente è ben deciso
Forse la gloria eterna, o un posto in paradiso
Se solo fossi cieco, vivrei con ciò che hanno
So quello che ho visto, e so che niente sanno
Artefice del male, che mostra il mio bel viso
Non potrò che salutarvi, col mio solito sorriso.

© Jagermasterz

 


-Associazione Salotto Culturale Rosso Venexiano
-Direttore di Frammenti: Manuela Verbasi
-Supervisione:Paolo Rafficoni
-Redazione
-Autori di Rosso Venexiano
-Editing Manuela Verbasi, Emy Coratti, Anna De Vivo 
-Segreteria: Eddy Braune
-Opere pittoriche dell'Artista Francesco Musante che ringraziamo
-Staff di Frammenti

ventiduemarzoduemilanove
 


Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 3632 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marco valdo
  • Antonio.T.
  • live4free
  • Rinaldo Ambrosia
  • norastella