U nonno mio/ Mio nonno | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

U nonno mio/ Mio nonno

 © uvizzarru
 

U nonno mio

 

U nonno mio sapia fari tutti i cuosi
Quandu p' a sciada pe nnu chiuovu
si perciava na rota d' a bicicretta
nciu dicivi o nonno mio
e ijiu t' a consava

 Quandu a funtana d' u paisi
e puru chijia di ncia casa perdia
tu chiamavi o nonno mio
e ijiu t' a consava

 Si guastava nu 'nterruttori
nu filu na lampadina
"o cumpari Micu, simu o scuru!"
viatu pigghiava a sciada pemmu vena
mu torna u lusciu ncia casa

 Ma ijiu cuomu urifici era canusciutu
u rioggiaru era a specializzazioni

I rioggi chi consava eranu tanti
picciriji e randi e sbegli
na vota puru chijiu d' a chiesola
chijiu si ca era giganti

Mo restau sulu a memoria
e quandu mi vidanu mi dinnu

"Arrivau u niputi d'u urifici"

 
 
Traduzione
 
Mio nonno
Mio nonno sapeva fare tante cose

Quando per la strada per un chiodo
si bucava una ruota della bicicletta
Glielo dicevi a mio nonno
e lui te la aggiustava

Quando la fontana del paese
e anche quella della casa perdeva
Glielo dicevi a mio nonno
e lui te la aggiustava

Si guastava un interruttore
un filo  una lampadina
"signor Domenico, siamo al buio!"

Presto prendeva la strada per venire
per far tornare la luce nella casa

Ma lui come orefice era conosciuto
l' orologiaio era la specializzazione

Gli orologi che aggiustava erano tanti
piccoli grandi e sveglie
Una volta anche quello della chiesetta
quello si che era gigante

Ora è rimasta solo la memoria
e quando mi vedono mi chiamano:

" il nipote dell'orefice "

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2460 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • Marco valdo