Nicolò Bacigalupo - Eneide (burlesca in genovese) (Riproposta) | pubblicazioni | Sara Cristofori | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

Nicolò Bacigalupo - Eneide (burlesca in genovese) (Riproposta)

Eneide.png
Non è molto noto che esiste anche un'Eneide burlesca in genovese. L'autore è Nicolò Bacigalupo (1837-1904) e le illustrazioni sono di Giuseppe Garuti (in arte Pipein Gamba o anche Pipinus da Modona) per Di Stefano Editore-Genova. Vi scrivo solo le prime strofe, così, tanto per mostrare com'è complesso il dialetto ligure. La prima edizione si ebbe nel 1930 e le immagini sono in stile belle-époque.
 
 
Appenn-a han visto Enea tiâ sciû ö mandillo
sciûsciase ö naso e mettise a scraccâ,
tutti han çercôu dove pösâ ö bacillo,
pe sentilo ciû comodi a parlâ.
Quando l'é stæto ognûn quieto e tranquillo
che se pûeiva sentî ûnn-a mosca sghæuâ,
Enea, dall'äto dö so caregon
ö commensa, c'ûn pö de commozion:
2
Mi nö fasso pe dî, bèlla reginn-a,
ma se parlo, mi ö fasso pe vosciâ
quando penso ai mæ caxi, ä mæ rovinn-a,
a morte de Creûsa e dö pappâ,
mi ghe confesso che n'ho a mussa pinn-a
sciâ scûse l'esprescion, ma chi a ghe stâ,
e invece de contâ di avvenimenti
mi tieivo zû di tacchi e di aççidenti.
3
Ma andemmo là, sebben segge za l'ôa
d'andâse a inghoeûgge in mezo a duî lensoeû,
benché sente ö magon, serrâme a gôa
e me vegne ö sappin comme ai figgioeû,
se sciâ voeû che ghe conte, câ scignôa
mi m'arrendo e faiô comme sciâ voeû,
e ghe desteghiô zû tutta a mæ stoia
e l'incendio terribile de Troia.
 
Appena hanno visto Enea tirare su il fazzoletto
soffiarsi il naso e mettersi a scatarrare,
tutti hanno cercato dove appoggiare il sedere,
per sentirlo più comodi a parlare.
Quando è stato ognuno quieto e tranquillo
che si poteva sentire un mosca volare,
Enea, dall'alto del suo seggiolone
cominciò, con un po' di emozione:
Io non faccio per dire, bella regina,
ma se parlo, io lo faccio per voi:
quando penso ai miei casi, alla mia rovina,
la morte di Creusa e del papà,
io le confesso che ne ho le palle piene
la scusi l'espressione, ma qui ci sta,
e invece di raccontare gli avvenimenti
io tirerei giù dei tacchi e degli accidenti.
ma andiamo là, sebbene sia già l'ora
di andarsi ad avvolgere in mezzo a due lenzuola,
benchè senta il magone, chiudermi la gola
e mi venga il labbruzzo come ai bambini,
se Lei vuole che le racconti, cara signora
mi arrendo e farò come lei vuole,
e le sgranerò giù tutta la mia storia
e l'incendio terribile di Troia.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 3483 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • leopold bloom
  • live4free
  • webmaster
  • Antonio.T.