Ah, l'ammore... | dialetto | live4free | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Agatha
  • Giovanni Rossato
  • PIERO COLONNA-ROMANO
  • Nuvola93
  • Paolo Melandri

Ah, l'ammore...

 

Te sì mise dinto all’uocchie

t’è pigliato tutto ‘o core

senza chiedere permesso

senza dicere parole.

Chella vocca toia perfetta

t’a pittata ‘nu pittore

pozzo sulo immaginà

quali vasi sape dà.

E chill’uocchie nire nire

‘nu magnete che le fa

m’arrevotano i pensieri

nun riesco cchiù a parlà.

Te tuccasse chillu viso

cu ‘nu dito, delicato

te sapesse fà carezze

comme tu nun hai mai avuto.

Te scrivesse ‘na canzone.

Te mettesse ‘na curona.

T'assettasse int’a ‘nu trono

miezze a quattro servitori.

Ma tu staje troppo luntano

nun c’à fai a me dà sta mano.

Nun me vide, nun me cride

forse nun te pare overo.

T’è imparato a stà tu sulo

sì crisciuto miezzo ‘o scuro.

 

Ma tu vide n’ata vota

chesta vita disgraziata

‘e che scherzo m’astipato!

 

E nun dà retta, ja..

ja..nun fa niente..

ca si parlo nun me siente.

Je m’assette proprio ‘cca

e me perde a te guardà.

Mò me piglio n’angulillo

piccerillo piccerillo

me sto zitta, ferma e sora

n’appaura, nun me move.

 

Je t’aspetto…aspetto ‘cca

che si vene chillu juorne

ca tu pierde chill’orgoglio

je pe te torna a campà.

 

 

Traduzione in italiano

Ah, cosa fa fare l’amore.

 

Ti sei fermato nei miei occhi

ti sei preso tutto il cuore

senza chiedere permesso

senza dire parole.

Quella tua bocca perfetta

l’ha dipinta un pittore

posso solo immaginare

quali baci saprà dare.

E quegli occhi neri neri

un magnete non è al pari

mi sconvolgono i pensieri

non riesco più a parlare.

Toccherei quel tuo viso

con un dito, delicato

ti saprei fare carezze

come non l’hai mai avute.

Ti scriverei una canzone

Ti metterei una corona

Ti sistemerei su un trono

fra quattro servitori.

Ma tu stai troppo lontano

non ce la fai a darmi una mano.

Non mi vedi, non mi credi

forse non ti sembra vero.

Hai imparato a stare da solo

sei cresciuto nel buio.

 

Ma tu guarda un’altra volta

questa vita disgraziata

che scherzo mi ha riservato!

 

E va bene…

non fa niente…

che se parlo non mi senti.

Io mi siedo proprio qua

e mi perdo nel guardarti.

Mi prendo un angolino

piccolino piccolino

e sto zitta, ferma e quieta,

stai tranquillo, non mi muovo.

 

Io ti aspetto, aspetto qua

che se arriva quel giorno

in cui perdi quell’orgoglio,

io per te ritorno a vivere.

 

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1903 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Francesco Andre...