La Notte, piena di botte. | Poesia | alvanicchio_Girolamo Savonarola | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

La Notte, piena di botte.

Un angelo d’argento infrange il silenzio, in quell’arida notte piena di stelle: un premio, un fremito, un battito d’ali, sul leggero frinire, ti par di sentire. 
 Il Sangue scorre come torrente impetuoso; membra s’accendono, di fuoco ardente, cala il  silenzio, non s’ode più niente.
 Strilla lontano un  bimbo velato, dalla finestra, un pianto disperato, sull’argento  bagliore, dalla luna, incantato. 
E non trova la pace, chi  si rivolge al Signore pregando:" Non è un Angelo che ti siede accanto, non è un angelo di scarlatto vestito, quel volto posto sotto la luna, che ora ha sul viso un marmoreo aspetto, scolpito dentro, un contorno di boccoli”. 
Non ha profumo, d’incenso la notte, quando sul freddo, scendono le botte; risuona la stanza dell’angelo oratore, che 
sbiascica parole,  in tutte le lingue del mondo.
 Là dove lacrime, bruciano la pelle, come meteore, al pianto di stelle:sgomento acceso, su gelide dita, che affondano unghie, su carne derisa, una  lingua di fuoco, che ghigna in crescendo, tanto dolore, alzando la veste, di fronte al pudore, senza rumore, senza parole, col fiato sospeso, nella gelida notte,  piena di luna, piena di botte.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3400 visitatori collegati.