Tiritera settembrina | Poesia | amcozza | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

Tiritera settembrina

Ci sbarazzeremo per incanto
di quest'afa inclemente
che ancora ci toglie il respiro
ritorneranno brume fumanti
più fiato e forza avrà il  vento
dalle vigne ad una ad una
si staccheranno  foglie roggie
docenti ambulanti precari
nella "buona scuola"  forse
avranno cattedre e banchi
ancora ci saranno scioperi
per rivendicazioni salariali.
E' già nell'aria, lo sento:
al cuore che batte più piano
nubi migrabonde infoltite
autunno annunzieranno meste.
Oh la pioggia, la pioggia
che tanto aspettammo
arsi dalla calura agostana
la frescura serale dimenticata!
Altre escare di speranza
spunteranno sui rami secchi
della vita che si accorcia
per noi pendolari tra stagioni.
Che scorgeremo tra le nebbie
oltre riconoscibili malinconie
qualche fungo, dei licheni e poi?
Oh elegie, elegie in fuga
che l'animo compone e scompone
al piovigginare di fronde brune
tra viali solitari di ippocastani!
Lento ma inesorabile il tempo fugge
l'animo cattivo di questo mostro
senza testa né coda ci divora
o ci spezza con la sua mole di eventi
poi più si accresce l'effluvio denso
dell'indicibile convinzione
che tutto muore e mai più risorge.
Lontana se ne sta la morte
catastrofe o apoteosi in prospettiva
quasi a temere di essere bene accolta.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1459 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Barbara de Haviland
  • Antonio.T.
  • ferdigiordano