Un giorno questo dolore ti sarà utile | Recensioni | Antonella Iurilli Duhamel | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Un giorno questo dolore ti sarà utile

Starrynights

“Un giorno questo dolore ti sarà utile, sii paziente”; è il messaggio di buon compleanno da parte della nonna Nanette a suo nipote James.  Purtroppo quando James  arriva a leggerlo, la speranza di queste parole  si mescola al dolore della perdita: trova la nonna  serenamente spenta sul suo divano accanto al suo cagnolino che la veglia.

 

Un giorno questo dolore ti sarà utile, titolo del libro di Cameron Peter edito da Adelphi, nonché del film di Roberto Faenza;  è il progressivo svelamento della ricchezza interiore di un diciottenne considerato da tutti, e persino da sé stesso, anormale e disadattato.

 

 “A un certo punto mi ricordo di essermi chiesto (sul serio) se non fossi geneticamente modificato, se non avessi una minuscola alterazione del DNA che mi separava appena appena ma in modo fondamentalmente dalla mia specie […] Sembrava che tutti fossero in grado di accoppiarsi, di unire le proprie parti in modi piacevoli e fecondi, ma nella mia anatomia e nella mia psiche c’era qualcosa di impercettibilmente diverso che mi divideva in modo irrevocabile dagli altri. Era una sensazione dolorosa che mi rendeva molto infelice”.

 

L’unica persona che lo comprende e lo ama è la nonna materna, assieme alla sua psicoterapeuta che lo aiuta a trovare le parole, per porgere al mondo la sua sensibilità, dolorosamente soffocata  in un  impenetrabile guscio.

 

James, viene considerato anormale, e persino gay da suo padre, il quale assieme a molte altre persone, non coglie oltre il muro della sua spigolosità. Troppo preso, dall’esteriorità, dalle ragazzine, dal rifarsi i connotati con la chirurgia plastica, e dal far soldi, ignora che oltre la facciata esiste, almeno in suo figlio, un mondo pieno di sensibilità così forte da causare un dolore insopportabile, a tal punto da desiderare insistentemente di morire. Anche la madre, isterica e sconclusionata, ritiene che il figlio sia anormale, e persino la sorella dalla vita sentimentale altrettanto incoerente disprezza il fratello.

 

E’ difficile per un adolescente con una delicata identità in formazione comprendere, che il suo dolore, è l’espressione della sua umanità, un dono prezioso che lo distingue dai cosiddetti “Normali”, coloro che non provano più alcun dolore, poiché  accecati da un mondo che si nutre  di sola apparenza,  è difficie rendersi conto che non è sbagliato ambire ad un mondo di bellezza e delicatezza, e soprattutto che tale sensibilità in un maschio non necessariamente equivale ad essere gay.

 

Per fortuna almeno per James, a volte ci sono, le nonne sagge. le depositarie della memoria  pronte e capaci  di   riparare dolorosi strappi famigliari, di  equilibrare i piatti della bilancia, e   riportare nella giusta prospettiva i valori fondamentali per la vita così  spesso persi, nel caos e nell’iperattività di un mondo che sempre più spesso si alimenta esclusivamente di superficialità e insensibilità.

 

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2581 visitatori collegati.