Er Capo der Governo | dialetto | Antonella Marinucci | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Agatha
  • Giovanni Rossato
  • PIERO COLONNA-ROMANO
  • Nuvola93
  • Paolo Melandri

Er Capo der Governo

‘N  branco de’ lupi famelici
 e de volpi spellacchiate
se riunirono ‘n gran consijo
pe sceje ‘na strategia
pe’ magna’  senza faticà tutta la vita.
“Ce sta ‘n gregge de pecore grasse qua vicino.
L’ovile se chiama “Italia””
Chi ce lo fa fa
a rischià ‘na schioppettata der pastore.
V’’o dico io come dovemo fa’:
ciò contatti co' ‘n pecorone de ‘sto gregge,
farso come Giuda,
che ce po’ aiutà.
Lo  faremo nominà  Capo der Governo.”
Disse la volpe vecchia e grassa,
gran Presidentessa der Parlamento.
 
E così fu fatto.
Er pecorone, da mister nessuno,
diventò Capo der Governo,
de ‘n Governo democratico
e der progresso ….
e pe nun farse di’ ch’era razzista
ar Ministero de la Giustizzia ce mise ‘n conijo
e al quello della  Difesa ‘na formica.
Aprì  le porte dell’ovile
e tutti poterono entrà co’ facilità,
assassini, ladri,
pecore ‘nfette de altri ovili.
 
Ce fu ‘na morìa ner gregge.
Alle poche pecore sopravvissute
toccò lavorà come schiave.
In segno de devota devozione,
prima je levò la lana,
poi je mise tante di quelle tasse
pe’ fa magnà li lupi e le volpi che
javevano dato la poltrona,
Le pecore rimaste  nun poterono più magnà
e schiattarono tutte.
 
Un applauso vojo fa’   a ‘sto Parlamento
de sapientoni.
Quanno siete bravi!
Le pecore se trattano bbene,
se fanno ‘ngrassà
e nu je se leva tutto
come avete fatto  voi.
Nun lo sapete che
‘a morte loro è pure 'a morte vostra?

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2615 visitatori collegati.