I fratelli De Filippo - Titina - | Recensioni | Antonio Cristoforo Rendola | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

I fratelli De Filippo - Titina -

Titina.jpg
N’ata vota io, buon Palluotto, vengo a scocciarvi e, levato da mezzo Totò, vi propongo Eduardo, anzi di più: “I fratelli de Filippo”
 
Tanto pe' comincià guardate un poco la fotografia. La De Filippo non è nata vecchia. Vedete quanto era carina da giovane?
 
 
E chi se la può scordare a Titina nei panni di Carmela Battimelli nell’edizione televisiva di “’O mese mariano”?
Vi giuro, mi facette piangere! E guardate che io non sono facilmente “locomotivo”, ma quel personaggio era veramente drammatico. Così come, invece, era comicissima nei panni della moglie “ticchia” di Totò nel film “Totò, Peppino e i fuorilegge” Questo teneva la Titina: sapeva fare il comico e il drammatico.
“Nacqua (femminile singolare, plurale: nacque) nel 1898 ed era la maggiora dei fratelli De Filippo. Teneva pure lei sette anni, quando per la prima volta, salì in palcoscenico e fece la parte di Peppeniello in “Miseria e nobiltà”. Per l’occasione Peppeniello diventò Peppenella. Titina recitò per molti anni con la compagnia di Gennaro Di Napoli, della quale fecero parte grandi comici napoletani come Della Rossa, Crispo, Galloro, ma fu con i due fratelli che raggiunse il successo.  Lo sapete che proprio per lei Eduardo scrisse “Filumena Marturano”? Eh, lo spevate? Lo "sapevata" che Titina ha scritto pure lei certe commedie come: “Quaranta, ma non li dimostra”, “Ma c’è papà”, “La voce del sangue” e altre.
 
“Eduardo m’’o veco accussì: c’’a faccia scarnite,
cu ll’uocchie che girano lente,
c’’a penna ‘mmiezz’a dduie dite,
e ‘a genta ch’o chiamma fetente…”
                                            Titina De Filippo
 
‘O mare e ‘a rena e a buonasera a chi rummane. Ah, a proposito, l’urdima parte dei fratelli è curata direttamente da quel seccante del professore Rendola, “quindici”, io vi saluto qua .
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2414 visitatori collegati.