Prova di resistenza | Prosa e racconti | Bruno Magnolfi | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

Prova di resistenza

      
            Non sono del tutto disperato, anche se qualche volta mi sento davvero giù di corda. Il fatto di dormire in un palazzo occupato dove ci sono quasi soltanto degli immigrati di colore, non significa affatto che io abbia perso completamente la fiducia nella mia capacità di rimettermi in piedi e ricominciare tutto daccapo. Mi sono andate male diverse cose negli ultimi anni, ma questo in fondo non significa un bel niente. Un vero lavoro credo non me lo darà mai nessuno alla mia età e presentandomi così malridotto. Però riesco sempre a rimediare qualche spicciolo dando una mano alle persone che mi conoscono per portare avanti qualche piccolo trasloco, mettere in giro nelle cassette della posta o sotto ai tergicristallo delle macchine ferme qualche pieghevole della pubblicità, o anche portare a domicilio la spesa di qualche vecchietta per un piccolo supermercato di questo quartiere. Sono cose semplici e pure legali, che non prevedono per me dei grandi rischi.
Quando torno ad infilarmi tra le mie coperte nella stanza dove ho sistemato tutte le mie cose, ritrovo per un attimo la persona che sono sempre stata fin da quando ero un ragazzo. È una sensazione bellissima ripensare per qualche attimo a tutte le possibilità che sono riuscito ad avere durante questo lungo lasso di tempo: ciò che ho conosciuto, quello che ho fatto, le cose che ho scansato, le persone che mi hanno voluto un po’ di bene, quelle a cui in un modo o nell’altro sono stato più vicino. È un percorso completo, ed in fondo soltanto io potrei averlo davvero intrapreso, con tutte le mie colpe ed anche i miei difetti. Dura poco il momento di queste riflessioni, poi cado subito nel sono profondo di chi trascina dentro di sé una stanchezza che dura ormai da mesi, se non di più. Quando torno a svegliarmi non vorrei per niente al mondo riaprire veramente gli occhi: però ci sono ancora i miei pensieri, l’elaborazione continua di tutti i miei ricordi, la voglia profonda di essere ancora una persona, non un rottame della vita come sono per davvero.
Giro per la città, saluto chi mi saluta, chiedo sempre una mano a coloro che incontro, ma non a tutti, soltanto a quelli che non mostrano la faccia da avversario, che non hanno l’espressione di disgusto per uno come me. Li riconosci subito quando li vedi: sono persone che forse vorrebbero avere intorno soltanto individui del tutto identici a loro, nati nello stesso luogo, con i medesimi pensieri, vestiti più o meno in modo simile, la solita corporatura, gli stessi discorsi da portare avanti. Non importa, penso con tolleranza; in fondo ognuno è libero di sentirsi come vuole, non può certo essere uno come me a rimarcare delle differenze: tutte le persone hanno una storia, ognuna di loro ha qualcosa da insegnare. Ci si aiuta tra di noi, quelli che vivono ai margini di questa civiltà.
Ognuno è libero di intraprendere la strada che più preferisce, alcuni si vanno ad infilare nel mondo della droga, altri progettano rapine con in mano coltelli da cucina o taglierini per incutere paura. A me non interessa, mi pare a volte di vivere soltanto per quei cinque minuti quando sono da solo, prima di dormire; e tutto quanto ciò che sono, e sono stato, improvvisamente mi viene incontro, e mi dice ogni volta qualcosa di nuovo, di diverso, e che forse tutto quanto anche per me potrà essere migliore, magari già domani. Per il resto accetto quello che mi è dato, e quando vado a mangiare alla mensa dei poveri, ringrazio sempre chi mi serve, perché so che quella è ancora una possibilità che mi viene data, un tentativo per mandare le cose avanti, affinché tutti i miei sforzi per arrivare fino qui non risultino mai del tutto vani. E poi perché alla fine ci sarà magari pure un senso alla sofferenza estrema che mi ha messo così alla prova per tutto questo tempo. 
 
Bruno Magnolfi

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 3218 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • Salvatore Pintus
  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.
  • live4free