Carne umana | Filosofia | enio orsuni | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

Carne umana

Affratellati da la stessa carne?
Uniti ner medesimo destino?
Me riccommanno, annamoce pianino;
stamose carmi e voi, stateve carme!
 
Quarcuno ha detto: -Tutti siam fratelli.-
Io che so’ onesto, me sta pure bene.
Ma nun pensate che, in fonno conviene
mettese a sede’ e fa’ du’ contarelli ?
 
Tanto pe’ comincià nun è la stessa!
E questo ammetto, è un libbero pensiero. 
Ce so’ ommini bianchi come un cero
e artri ancora color callalessa;
 
piccoli, arti, oppure magri o grossi;
gialli de pelle da sembra’ un limone,
artri olivastri, d’ogni religgione,
e pe’ conclude, arcuni -pochi- rossi.
 
‘Ste razze, abbitatori de la tera
ve pare forse che so’ affratellati?
Privatamente o in veste de sordati
se so’ fatta la guera in ‘gni maniera.
 
Li bianchi contro de la razza gialla;
li rossi contro bianchi e contro neri
e questo dar principio fino a ieri
sol pe’ la diferenza de pensalla.
 
Affratellati? Sì, ma ne la guera,
e no ne l’aiutasse ner bisogno.
Dichi che l’òmo pò cammia’? Ma è un sogno
sarà sempre la stessa tiritera!
 
A inciafruja’ ‘sta gente colorata, 
coprisse tutti co’ lo stesso tetto
sarebbe come ave’ er nemico a letto              
e, pensa si ché cacchio de insalata!   
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3127 visitatori collegati.