Quattro giorni in barella | erotismo V.M. 18 | enio orsuni | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

Quattro giorni in barella

Quattro giorni che sto su ‘sta barella
che je pijasse a tutti ‘n accidente.
Io strillo e nun me fileno pe’ gnente
mannaggia l’animaccia che li spella.
 
Sto qua ner coridoio a l’ospedale
abbandonato e solo come ‘n cane.
Un paro de ‘nfermire -du’ ruffiane-
che andrebbero buttate pe’ le scale
 
se ‘ncazzeno sortanto perché strillo
perché je do fastidio a ‘ste puttane.
E allora che ho da fa’?  nun m’arimane
che cucimme la bocca co’ ‘no spillo?
 
Ormai semo già a la quarta sera
e ciò ‘n bozzo qua ar centro de l’inguine
e ar posto de ‘ste luride aguzzine
ecco passa’ de qua ‘n artra infermiera.
 
Me da ‘n occhiata e spigne la barella
ner coridojo lesta come er vento.
Quarcuno dice: -fermete ‘n momento-
e quasi te la pija ‘n cojonella.
 
Lei rossa ‘n faccia, come ‘na cerasa
scopre er lenzolo fino giù a la panza
e dice: - ‘mbè, co’ tutta ‘st’abbondanza
sai che te dico? Io me lo curo a casa.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2156 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Fausto Raso
  • ferry
  • Antonio.T.
  • Grazia Denaro
  • Giovi55
  • live4free
  • luccardin