Il gatto sornione cor sorcio coijo... | Prosa e racconti | esterno69 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Daniele Santovetti
  • Vin
  • Sara
  • Stefano Siracusa
  • Verena_inpuntad...

Il gatto sornione cor sorcio coijo...

La storia der gatto sornione  cor sorcio cojo..
 
Un sorcio chiese
ar gatto che lo prese:
“ Ma che nun li senti
li peli sotto i denti?”
Er gatto rispose:
“Nun me fanno mica schifo li peli, anzi penzo..
che so’  le frattaje che me fanno senzo!”
“Allora perché nun cambi dieta,
prova ‘na carota, ‘na cozza, ‘na  foja de bieta?”
“ Non c’è sapore che t’eguajia,
al limite te potrei  sostituì co’ ‘na quajia “
“Allora lassame scorazzà ancora ner pattume,
e cercate quer coso colle piume!”
Er gatto ce penzò pe’ ‘n poco
Poi rispose con tono roco:
“Nun se ne  trovano tante de ‘sti tempi
E' mejo accontentamme de te:  tu si che me riempi!”
“Te potrei  consija io dove pialla
Conosco ‘na passera in carne che sta nella stalla!”
“Si ma pure quella c’ha le piume
er becco, le zampe, pe’ ripulilla ce vorrebbe un fiume!”
“ E che ce vole! La buttamo ar Tevere
Così, dopo magnato,  poi pure bevere!”
“ Lo sai che mai convinto pe’ davvero..
Famme strada, me vojo pappà  ‘sto sparviero!”
 
Er sorcio se sentì miracolato
E subito fece strada  ar gatto maculato.
Due  isolati de distanza, tra ‘na rampa pe’ scorciatoia,
e subbito furono nella fattoria, sulla tettoia.
“Ora se te cali dalla gronda, poi pii la scala,
arrivi diritto ar nido e je stacchi ‘n’ala!”
“Ammazza nun te facevo così crudele, pe’ esse ‘na sorchetta..
Nun c’hai messo tanto a famme diventà  ‘sta quajia ‘na porchetta!”
“ La sopravvivenza fa venì saggezza
Morte sua, vita mea, co’ leggerezza!
Anzi, io me ne andrebbe, visto che t’ho servito..”
“No, e su..famme compagnìa,nun me piace magnà da solo, partecipa al convito!”
“Nun me permetterebbe mai sor gatto..
Se però l’invito è insistente..”
Er topo se posò sul piatto
con ‘n guizzo potente.
Fu a ‘sto punto  che er micio sornione azzannò la passerella
e  co’ l’artra zampa er sorcio nella scodella.
“Scusa sorcio, io so’ felino:
in fondo avevo chiesto solo er primo
tu così m’hai dato pure er vino!
 
 Tutti i diritti riservati © sitoesterno@inwind.it
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1994 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin