Il "biciclettiere" | Lingua italiana | Fausto Raso | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Il "biciclettiere"

Come si chiama il venditore di biciclette? Non c'è un termine specifico: in alcune regioni lo chiamano ciclista, in altre  biciclettaio. La nostra lingua, insomma, non ha un vocabolo alla bisogna. Per quanto attiene ai due termini "regionali", c'è da dire che il primo, nella lingua nazionale, designa colei/colui che va in bicicletta e il meccanico della stessa (non il commerciante), il secondo è sconosciuto alla lingua di Dante. Non è lemmatizzato, infatti, in alcun vocabolario dell'uso. E qui lanciamo una provocazione ai lessicografi: perché non denominarlo "biciclettiere" e metterlo a lemma nei comuni dizionari? 
  Il suffisso "-iere" (dal gallico "-ier", tratto dal latino "-arius") indica una persona che esercita una professione o un mestiere: ragioniere, giardiniere, infermiere, ferroviere, banchiere, cantoniere, ingegn(i)ere ecc. Dal sostantivo bicicletta, dunque, togliendo la desinenza "-a" e aggiungendo il suffisso "-iere" si ottiene biciclettiere. Neologismo lessicale che, giusta chi scrive, ha tutte le carte in regola per assurgere agli onori dei vocabolari. Vediamo, con un esempio, come "funzionerebbe" il neolemma. "Papà, per il mio compleanno mi regali una bicicletta?" - "Certo, figliolo. Bisogna aspettare, però, che il biciclettiere rientri dalle ferie".

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 4708 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free