Il regalo della Befana | Lingua italiana | Fausto Raso | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...

Il regalo della Befana

Fra qualche giorno  è la festività della Befana e la tradizione vuole che porti i regali ai bambini (ma non solo) che si sono comportati bene durante l’anno appena trascorso. Noi intendiamo fare un regalo ai nostri amici blogghisti parlando del... regalo. Che cosa è questo regalo?  Per saperlo dobbiamo chiamare in causa il padre della nostra lingua: il nobile latino. È necessario, però, prendere il discorso un po’ alla lontana. I Latini, dunque, avevano un verbo, “regere”, passato pari pari nella lingua volgare (l’italiano) se si eccettua l’aggiunta di una “g” (reggere). Questo verbo aveva un’infinità di significati: governare, guidare, reggere, condurre, dirigere. Il sostantivo “re”, infatti, non è altro che un deverbale, vale a dire un nome derivato dal verbo “reggere”, precisamente è l’accusativo “re(gem)” tratto da “regere”, per l’appunto. Il re, dunque, è colui che “regge” le sorti di uno Stato. Da “re” sono stati formati gli aggettivi “regio” e “regale”. Da quest’ultimo vocabolo, attraverso la lingua dei nostri cugini spagnoli, ci sono giunti i termini “regalo” e “regalare”. Il regalo, propriamente, è un “dono al re”, mentre lo spagnolo “regalar” - sempre propriamente - significa “rendere omaggio al re”. Attraverso i secoli il regalo ha perso il significato originario di “dono al re” assumendo l’accezione generica di dono e il verbo regalare quella - sempre generica - di  “offerta che si ritiene utile e gradita”.
Fausto Raso
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1581 visitatori collegati.