Si dice "ungarico" o "ungherese"? | Comunicazioni | Fausto Raso | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Si dice "ungarico" o "ungherese"?

Il caso di Ilaria Salis, detenuta nelle carceri di Budapest, in Ungheria, ha "scatenato" la curiosità di alcuni lettori sulla differenza che intercorre tra "ungarico" e "ungherese". Insomma, se ambi (sic!) i termini si riferiscono all'Ungheria perché si dice "impero austro-ungarico" e non "impero austro-ungherese" e gli abitanti perché sono chiamati ungheresi e non ungarici? La questione è relativamente complessa. Vediamo, quindi, di fare un po' di chiarezza. L'aggettivo ungarico, tratto dal sostantivo ungaro, ci riporta al latino tardo Hungari, gli Ungari o Magiari, da magyar ‹må′d’år›, mentre l'aggettivo ungherese è stato coniato su Ungheria, con il normale suffisso "-ese" atto a indicare un'appartenenza geografica (ungherese, francese, danese) o sociale (marchese, cortese). Con il trascorrere del tempo si è stabilito di adoperare  l'aggettivo ungarico (o ungaro) solo nel significato "storico", in particolare la storia medievale, cristallizzandosi, però, in alcune espressioni  come "impero austro-ungarico", "esercito austro-ungarico" ecc. In tutti gli altri casi, vale a dire fuori del significato storico, l'aggettivo normalmente adoperato è ungherese. In campo letterario, però, si preferisce il termine "magiaro", più vicino all' "origine etimologica".

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2856 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • Francesco Andre...
  • Ardoval