Come venne a bordo il corpo | poeti maledetti | ferdigiordano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

Come venne a bordo il corpo

Un limite inappellabile, una frontiera
strutturata a sangue, dal sangue corrente
difesa. Tutto il mio essere e non solo
coincide adeguatamente al suo territorio.
E si lascia circondare da paesi non così netti:
è uno stato credibile, speso per tante notti,
da altrettanti giorni appare grato ad una
stella. E’ un corpo ricevuto in un’altra epoca.
Quando te ne accorgi, l’epoca marca i confini,
come le pause tra due periodi. Ha un suo
orologio che si riduce a pezzi nella cassa,
data la conosciuta deficienza dei meccanismi
a darsi l’olio per tempo. Così il corpo, questo
corpo necessario - è sano e lo ammali, è malato
e lo sani -, affusto celeberrimo dell’anima,
portato a bordo dello spazio vitale, curva
insolente. E se lo desidero ancora, sa cosa fare,
ma è lento al pensiero che sia ora di passare
la mano.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2856 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry
  • luisa tonelli
  • Gigigi
  • Salvuccio Barra...
  • ferdinandocelinio