Per una delle vene sul dorso della mano | poeti maledetti | ferdigiordano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Per una delle vene sul dorso della mano

 
Tocco una delle vene da polso, sul dorso
della mano, e deduco che sì, il tempo
è inappellabile e glabro. Il cielo riflesso
dall’orologio non fa una grinza: il tempo
senza asperità è la pelle dello spazio. Credo
che non abbia angoli, sento che mi presta
aiuto e porta peso altrove. Ovunque
adagia la sua perizia, l’esperto vento, è leggero,
direi che, che, che: mettici qualsiasi cosa
e tornerà pelle inenarrabile, intuita dalla vena.
Da uno dei suoi pori viene il sudore di dio,
viene una di quelle gocce inappellabili e glabre,
prive di onde e, che lo voglia o meno, mi bagna.
Non c’è purezza nella fatica di asciugarne
la voce, piena di corpi e mondi, emaciati
come di annate magre, secchi come se l’inverno
fosse nell’universo l’unica stagione abitata
da stelle a gas, a occhio e croce azzeccate
sul portello di un frigorifero. Per questo
temo il ghiaccio e il suo futuro a vapore.  
Ora veniamo al calendario:
inappellabile e glabro, ha il chiodo fisso
di non ricordare le date. Mi dico passaci sopra,
non conta, e tu non contare. Il tempo è liscio,
tu ruvido: quando lui inciampa, sei tu che cadi.
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3262 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin