cose che mutano, all'infinito, da sempre, per sempre | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Agatha
  • Giovanni Rossato
  • PIERO COLONNA-ROMANO
  • Nuvola93
  • Paolo Melandri

cose che mutano, all'infinito, da sempre, per sempre

ma come farei, io, a sentirmi messinese,
attaccato a radici deboli
come la delimitazione geografica di un pezzo di terra,
quando abito da sempre il mio corpo
e sono da sempre intrappolato in quest’Alcatraz di cellule,
quando se mi taglio il sangue scivola giù
e mi macchia i pantaloni, le mie gambe di carne,
questa prigione di muscoli e dolore e limitatezza,
io, che sono nato nella luce d’oro
di uno strappo nel tessuto della regolarità,
quest’anima mia che ha voglia di uscire
 e considerare la sconfinatezza.
non siamo di nessuna terra,
semplicemente stiamo chiusi per un po’,
mettiamo giù la destra e la sinistra secondo leggi precise,
impariamo a non volare,
quando, forse, volare è tutto,
impercettibile luce che strabuzza nell’istante,
oltre l’ultimo buco nero nel polo nord dell’universo,
oltre l’essenza stessa del divenire,
cose che mutano, all’infinito, da sempre, per sempre.  

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2354 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Rinaldo Ambrosia
  • luccardin
  • Francisca2