Dopo la pazzia | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

Dopo la pazzia

Dopo la pazzia c'è sempre la quiete,
gli atomi del disagio modulati
secondo una meccanica incomprensibile.
Le radiografie alla psiche.
Il pianto.
Dopo la pazzia ci sono sempre le mani
tremolanti, i capelli arruffati per le docce perse,
la barba lunga di due o tre settimane.
C'è il caos che si ferma a fare spazio a una candela,
una candela flebile e tremula che si scioglie
come il fard di Tamara; una candela che guida
la sentinella pigra a non addormentarsi più.
Dopo la pazzia ci sono io che mi guardo allo specchio
e vedo l'ombra di me stesso. Smarrito. Vecchio.
Uscendo dal sonno della ragione,  quattro volte di fila
come un alunno ripetente.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2338 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.