Il cammino | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

Il cammino

C’era un uomo che sosteneva che il suo cuore fosse morto
e gli angeli ondeggiavano nell’aria marrone
disegnando spettacolari aloni di luce catapultata nel baratro
e alcuni avevano ali bianche, furiose ali bianche che si contrcevano
e altri avevano ali nere e le loro ali lanciavano all’atmosfrera
una tale  luce intossicata e acre che l’uomo fu costretto a  guardarsi allo specchio
 e vedeva grosse verruche pelose crescere sopra la sua pelle venata d’azzurro
e nel pomeriggio caloroso scese una notte dalle sottili lateralità minacciose
ma l’uomo sapeva degli angeli, sapeva che nella paura marrone dell’aria e della catapulta di se stesso
morto, addormentato da ere cosmiche,
 paradisiaco come il grembo di quella stessa madre con cui qualche ora prima lui litigò
giaceva qualcosa di inimmaginabile
e lui aprì la porta e cominciò a discendere lungo i gradini che portavano alle intimità di se stesso
e riconobbe che gli angeli ondeggiare in danze sacre e pagane
scoprì che lì in un gradino stava sdraiato Narciso morto e più avanti c’era un drago e uno spadaccino che lottavano
, e vide Dio, lo vide in faccia
nel suo aspetto numinoso e terrificante
e quella sua morte, quella sua discesa negli inferì, fu il messaggero
che lo condusse a scolpire la pietra

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2774 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • gatto