Il rito | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Il rito

Gli spaghetti sono tutto un tintinnare,
come d’oro, o di cianfrusaglie sparse.
Così il pentolame non chiede perché,
ma s’accascia, sfinito, sotto l’acqua corrente.
Tutta la casa saluta discreta,
anzi no, sono i miei occhi che vedono quel “ciao”,
la casa non s’è mossa,
credete che le case si muovano?
 
 
*
 
 
La ferita dorme in questa poesia,
segretamente segue un filo
che dalla postmodernità
torna indietro sino al graffito,
operosa, la ferita, ha ampie zone di traffico,
to loose,  perder, e poi dentro la zavorra dei tir,
lampi d’azzurro.
 
 
*
 
 
Dopo aver preso un sonnifero in pieno giorno
 
 
 
Se prendi un sonnifero
in pieno giorno,
lo fai per quella necessità
 assurda
di tornare, approssimativamente,
nel regno dei morti.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2511 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Sara Cristofori
  • live4free
  • Bowil
  • Salvatore Pintus
  • Antonio.T.
  • erremmeccì