Per me Biancaneve gliela dava ai sette nani | Filosofia | giancarlo buonofiglio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Per me Biancaneve gliela dava ai sette nani

cover-page-001.jpg
 
Da "Per me Biancaneve gliela dava ai sette nani"
La favola è la lingua di ciò che chiamano inconscio.
La parola inconscio non solo è brutta ma fuorviante.
Nella favola, la struttura, la tecnica, la lingua finiscono per
assorbire il sottosuolo della coscienza dandogli il
corpo di un orco o una strega. Il desiderio prende una
forma e l'angoscia viene così circoscritta. Da quelle
immagini elementari scaturiscono i racconti infantili.
Il desiderio è sempre presente, per quanto edulcorato
dalla coscienza e fa sentire il suo peso. Gli adulti sono
distanti da se stessi e da quello che conta, ma i
bambini lo sanno bene che Biancaneve gliela dava ai
sette nani.
 
 
AllegatoDimensione
cover-page-001.jpg55.28 KB

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 3946 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • gatto