Ricordo le parole e un pianto trattenuto | Poesia | Giuseppina Iannello | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System
  • Sky2019
  • Laura Archini

Ricordo le parole e un pianto trattenuto

*** Dedicata al Papa Emerito Benedetto XVI ***
 
Tu pregavi per noi;
ci benedivi fino all’estremo atto:
la rinuncia.
 
Del Tuo Pontificato,
ricordo le parole,
i gesti, gli occhi buoni,
l’invito alla poesia.
 
E mi sovviene sempre,
la voce amareggiata:
sciupato il volto
svela
un pianto trattenuto.
 
Io soffrivo con te;
io non volevo
che Ti esponesti
molto.
 
E un giorno Ti parlai,
ma col pensiero:
“Ti prego non esporti;
molta paura, invero,
mi opprime giornalmente.”
E Tu mi rispondesti:
“Tranquilla, mi dimetto,
proprio domani.”
 
Fosti un grande Pontefice
Tu, Papa
poeta prediletto del Signore.
In molti t’ebbero amato
molti ti fecero la guerra.
 
Portasti la Tua Croce
fino all’ultimo
stadio.
 
Fosti il pianto dell’uomo
che traduce
in versi trasparenti
il suo dolore:
“Signore, sono un uomo:
sostienimi,
Ti prego.”

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1708 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • Marina Oddone