Il mio peregrinare | Poesia | Grazia Denaro | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Daniele Santovetti
  • Vin
  • Sara
  • Stefano Siracusa
  • Verena_inpuntad...

Il mio peregrinare

Immagine Web
Non è finito ancora
il mio peregrinare...
 
ho sempre valige da riempire
e da svuotare,e freddi ostelli da abitare.
 
Stanze estranee squallide e disadorne
m’accolgono con le brezze dell’ovest
che la notte la luna non riesce a schiarire.
I miei giorni statici o vagabondi
non hanno fiori da annaffiare.
 
Vivo giorno per giorno come nomade,
lontani i giorni stabili e stanziali
quasi da non percepirne il sentore
solo un vecchio organetto
col suo suono familiare
mi fa ritrovare ogni tanto
la vera essenza del mio essere reale.
 
Mi chiedo:
quale sarà il porto
del mio perenne mare
in cui potrò finalmente
ormeggiare la mia nave?
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2952 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Rinaldo Ambrosia