I quadri de me mama | Poesia | maria teresa morry | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

I quadri de me mama

Penso a me mama
e la vedo come che la xè,
tanto vecia.
La gièra 'na pitrice
'desso no la tièn penèlo in man.
La varda i quadri de i altri
e la passa i so' picoli dei
sora le tele
par sentir el segno del color,
el grumo de la tinta.
" Belo, el xè belo.."
la dize sospirando
e la pensa ai so' quadri
tachai in case de altri,
restai a dirghe
"Grassie che ti ne gà fati ".

 

 
 
Lingua veneziana ( non veneta)  traduz.: penso a mia madre/e la vedo come essa è/ molto anziana.Era una pittrice, adesso regge a stento il pennello./ Osserva i quadri  di altri e passa con le piccole dita/ sopra le tele per sentire il  segno del colore/ il grumo della  tinta./ " Bello, è bello" dice sospirando e pensa ai suoi quadri/appesi in casa d'altri/ rimasti a dirle/ " Grazie che ci hai dipinti".

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2516 visitatori collegati.