Il mond fŭr al e mot da l'ajar /Il mond fŭr al e mot da l'ajar - ©Ottavio Buonomo | dialetto | Ospite di Rosso Venexiano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Il mond fŭr al e mot da l'ajar /Il mond fŭr al e mot da l'ajar - ©Ottavio Buonomo

O mi cjati a scrivi
su cheste cjarte di polente,
di bessôl, tal liet,
o scolti el timp c'al passe.
I pĭs e son fŭr dai bleons,
e saran frěs, mjor cuviàrziu,
fŭr forsit e sarà la něf,
o sint l'odor de tiare d'unviar.
Fŭr e son i zardins,
ju viot sì, forsit ju viot,
lis rosis che lu piturin
e son maglàdis de nature.
Jò o soi chi,
la lum e 'bruse chestis paginis,
e il mond fŭr
al e mot da l'ajar.
 
 
 

Il mondo fuori è mosso dal vento

Mi ritrovo a scrivere
su questa carta di polenta
da solo, nel letto,
mentre sento il tempo che passa.
I piedi sono fuori dalle lenzuola
e saranno freddi, meglio coprirli,
fuori forse ci sarà la neve
sento l'odore della terra d'inverno.
Fuori ci sono i giardini
li vedo si, forse li vedo,
i fiori che lo dipingono
sono macchiati dalla natura.
Io sono qui
il lume brucia queste pagine
e il mondo fuori
è mosso dal vento.
 
 
dialetto friulano

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3010 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Catilina