Campo 124/Amore di Patria | Poesia | Lorenzo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...

Campo 124/Amore di Patria

Viali .jpg
Un Campo come un altro in altopiano
lontano dal suo campo con gli ulivi
insieme ad altri militi caduti
 
chiamati al Dover Sacro per la Patria,
il Padre di mia Madre ivi riposa
nel Camposanto, al centro dell'entrata,
 
ai lati gli obelischi d'Ufficiali,
giovani, allora, carichi di gloria,
servirono la Patria con onore,
 
al suolo sono adesso radicati
come cipressi cantano il dolore.
Salendo quei gradini in pietra grigia
 
m'addentro nel Santuario dei Caduti,
volti gioviali sempre sorridenti,
stesso sorriso in tutte le stagioni
 
una Cappella sembra monumento
per Fanti ed Ufficiali morti in guerra,
lumini accesi e crisantemi bianchi
 
riposti lì dai figli di lor figli
per tramandare al mondo la Memoria.
Non sono morti invano per la Patria,
 
soccombere per Lei riporta in vita
il senso del decreto in epitaffio.
Fu riportato in Patria in urna chiusa
 
negli anni dopo il venti con tradotta
e posto nel Sacrario qui descritto,
ove sepolti sono i miglior figli,
 
manca l'effigie sulla Sacra Tomba,
è facile trovarla nell'entrata
a destra dell'altare in bella vista,
 
conservo sua Memoria nella mente
quando immagine troneggiava austera
nella cucina in casa dell'infanzia.
 
Ora riposa degno del suo nome
e dell'Eterno gode del suo lume.
 
 
 Lorenzo 4.11.21

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1410 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • luccardin
  • Rinaldo Ambrosia