"Crai" [Domani] | Poesia | Lorenzo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Daniele Santovetti
  • Vin
  • Sara
  • Stefano Siracusa
  • Verena_inpuntad...

"Crai" [Domani]

Aliano_1.JPG
“Tutto il domani,  fino alla fine dei tempi,
tendeva a diventare anche per me quel vago
“craì”  contadino, fatto di vuota parola,
via dalla storia e dal tempo”.
 
Carlo Levi , “Cristo si è fermato a Eboli”  Ed. Mondadori,  pag 176
 
Crai, o giammai, un vuoto in disinganno 
per gli ultimi, domani è sempre crai
ed oggi, crai perenne ai tribolati
 
detti cristiani o uomini nascosti,
i senza volto, anonimi e rimossi
dalla coscienza d’ego sfruttatore
 
che pensa solo all’io e non al sacro,
alla giustizia predicata un tempo.
Crai ci sarà la giusta paga al servo,
 
con l’equa ricompensa per travaglio,
ma oggi è posto al volto un bel bavaglio,
senza parola e verbo da soffiare
 
quella che viene in verità di mente,
ora  rimossa a non subire l’onta 
del caldo pane tolto ai propri figli.
 
Meglio poco che nulla al contadino,
un misero guadagno di moneta,
il più dato in natùra,  ingiusto peso,
 
grano con sale e d’olio una bottiglia.
Vita migliore poi domani, crai,
sembra pizzicheria d’illusioni. 
 
In mille luci intorno al nuovo anno,
eguale all’anno andato in disinganno.
 
 
Lorenzo 30.11.21
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 3438 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • luccardin