Lo chiamano Caronte in terza rima | Poesia | Lorenzo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Lo chiamano Caronte in terza rima

sole.jpg
"Caron dimonio, con occhi di bragia,    109
loro accennando, tutte le raccoglie; 
batte col remo qualunque s’adagia. 
 
Come d’autunno si levan le foglie 
l’una appresso de l’altra, fin che ’l ramo 
vede a la terra tutte le sue spoglie, 
 
similemente il mal seme d’Adamo 
gittansi di quel lito ad una ad una, 
per cenni come augel per suo richiamo." 117
 
D. Alighieri, La Divina Commedia, 
Inferno, Canto terzo, versi 109-117
 
 
Lo chiamano Caronte in terza rima
 
Caronte indemoniato batte l'astro,
cocente s'introduce sul mio corpo
bruciando testa e piedi ch'è un disastro,
 
intanto sto fuggendo d'un sol colpo,
cercando il mio rifugio dentro mura 
di pietre amiche per il contraccolpo
 
di fresco che s'attende finchè dura,
sento ronzare le formiche in testa,
nulla in conforto intanto che scongiura,
 
ma tutto avanza nel contesto e resta
e chissà quando avremo il refrigerio,
per ritemprare il corpo chè m'assista.
 
 
Lorenzo 20.7.23

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2857 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Rinaldo Ambrosia
  • Bowil