ego | Poesia | luccardin | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

ego

 
 
Ingabbia l’ego
la sua vittoria tra le onde dei giorni
poi vacilla nei versi d’amore
come un nessuno tra i tanti .
Cosa importa se di sponda in sponda
tra rive e promontori
vago alla ricerca del mio passato
mentre in me le illusioni e le fantasie
varcano i confini dell’irreale.
Così laboriosa è la vita umana
che mal mi sopporto
nel cedere al giorno la mia parte migliore .
Lascio che sia il tempo
la medicina giusta del morire
vivere lontano dai cipressi mi reca ansia
in quell’ego che massacro
per non essere vivo come gli altri .
Amare insulta la materia del corpo
potessi almeno essere orbo come il ciclope
toccherei il buio dove è più profonda l’anima
e sarei libero da ogni vincolo
guardando in me l’ego che non esiste.
Solo così potrei fondermi in quel cielo di stelle
da cui attingo emozioni
in respiri unici e inconfondibili.
Io nessuno in cerca di un ricordo
per dire chi sono io davanti all’immenso
o è l’immenso che giace in me.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1783 visitatori collegati.