Quarto ritratto : " L'inizio del dramma: il violinista " ( da " La sonata a Kreutzer" di Lev Nikolaevic Tolstoj 1828-1910) | Prosa e racconti | maria teresa morry | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Quarto ritratto : " L'inizio del dramma: il violinista " ( da " La sonata a Kreutzer" di Lev Nikolaevic Tolstoj 1828-1910)

tolstoj.png
" Sì, comparve quell'uomo..." Esitò ed emise per due volte con il naso quel suo suono caratteristico.Vidi che gli pesava nominare quell' uomo, ricordarlo, parlare di lui. Ma si fece forza e quasi, travolgendo quell'ostacolo che lo infastidiva, proseguì con decisione:
" Era un uomo meschino,ai miei occhi, secondo me.Non perchè ebbe una certa importanza nella mia vita, ma proprio perchè lo era. D'altra parte il fatto che fosse un buono a nulla serve a sottolineare quanto irresponsabile fosse lei. Se non fosse stato lui  sarebbe successo con un altro,doveva andare così." Tacque di nuovo. " Era un musicista , un violinista , non un musicista professionista, per metà professionista per metà uomo di mondo. Suo padre era un proprietario terriero vicino a mio  padre. Il padre era fallito e i figli, tre  maschi, si erano sistemati. Solo uno, questo, il minore, era stato affidato alla madrina  di  battesimo, a Parigi. Lo avevano mandato al conservatorio perchè aveva talento per la musica, diventò violinista e suonò nei concerti. Era un uomo..." Evidentemente voleva parlarne male, ma si trattenne ed aggiunse  velocemente: " Non so come avesse vissuto là, so solo che  quell'anno  arrivò in Russia e venne da me. Occhi umidi, a mandorla, labbra rosse, sorridenti, baffetti  impomatati, pettinatura all' ultima moda, viso carino ma un po' volgare, quello che le donne  definiscono " niente male", non molto intelligente ma nenanche stupido, con un posteriore piuttosto grosso, come gli ottentotti, dicono. Anche gli ottentotti dicono, sono dei musicisti. Estroverso per quanto possibile, ma sempre pronto a tirarsi  indietro alla minima resistenza, teneva all suo aspetto esteriore, soprattutto con quei suoi strivaletti parigini dal colore particolare, con i bottoncini e le cravatte dai colori vivaci ed altri particolari  che gli stranieri collegano a Parigi e che sono, per la loro particolarità , una novità che fa sempre colpo sulle donne.Nei modi  era artificioso, superficiale. Aveva  la mania ,sapete, di parlare per accenni e allusioni, come se voi sapeste  già  tutto, capiste e foste  in grado di continuare da soli. Proprio lui, con la sua musica, fu  la causa di tutto. Durante il processo  la cosa fu presentata   come se tutto fosse successo a causa della gelosia. Non  fu così , cioè non è che non fu così, fu così e non lo fu. Il processo stabilì che io ero stato ingannato e che avevo ucciso per difendere il mio onore oltraggiato (così lo chiamano loro). E per  questo  fui assolto.
 
Da " La sonata a Kreutzer " di L. Tolstoj, cap.XIX - trad. Anna Maria Capponi Glouchtchenko. Ed. Demetra, collana " Aquarelli".
 
A parlare è l'uxoricida, in questo romanzo breve  scritto  da Tolstoj, in età matura , dopo che egli aveva dato vita ai  grandi capolavori di Guerra e Pace e Anna Karenina. " La sonata a Kreutzer", tuttavia, non è un'opera minore, se si guarda all' essenzialità dell'impianto del lungo racconto, carico però di una altissima  tensione della storia e della descrizione psicologica dei protagonisti ( anche di quelli  che fanno parte della narrazione, senza esserne parte recitante). L'opera s'incentra sostanzialmente  in un complesso monologo, interrotto appena da qualche battuta  di un secondo personaggio che fa  da spalla: durante un lungo viaggio in treno per la terra russa, interminabile viaggio, il narratore incontra un altro viaggiatore il quale gli racconta  - passo dopo passo - la propria vita e in particolare l'assassinio della moglie, avvenuto apparentemente per  gelosia. La donna  aveva iniziato a frequentare assiduamente un  violinista, assumendo lezioni di musica. Questa circostanza mette in moto il processo di  disfacimento del matrimonio, che per altre ragioni  (non ve le rivelo) era già in atto. 
La drammatica  vicenda comincia  già da  "comparve quell' uomo". L'uxoricida descrive il rivale secondo un canone denigratorio preciso: ossia un soggetto effemminato, superficiale sostanzialmente viscido, non virile insomma. La qual cosa sembra fare da contr'altare alla immagine di donna  vacua , litigiosa e deludente che è la moglie  di lui, futura vittima.
 
L'opera ha una costruzione narrativa precisa perchè tratta   "in crescendo"  di come l'uomo  vedeva ( forse vede ancora) la donna, il rapporto con lei, con la sua bellezza  e la sua complicità. Ci sono  domande ( e risposte) sul matrimonio, sul sesso, sull'amore coniugale  e le  sue " deviazioni". Interrogativi precisi in merito al perchè due coniugi arrivino ad  odiarsi e a tradirsi. Ai tempi di Tolstoj l'adulterio  era un fatto molto diffuso e rientrava addirittura  in un atteggiamento sociale tipico della classi più elevate. Il titolo è inerente ad un'opera di Beethoven , la nota sonata per violino  e pianoforte, ritenuta  da Tolstoj  fortemente erotizzante.  Il romanzo  ebbe grandissimo successo di pubblico, provocò scandalo  essendo un chiaro atto d'accusa contro la società e le apparenze del tempo. Venne censurato ma  subito tosto  ripubblicato per ordine dello zar, che lo aveva apprezzato moltissimo!  Ve ne consiglio vivamente la lettura!
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2136 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • vinantal
  • luccardin