“No ddi fait mancu zì (Non le fa manco zì) | Perle scelte dalla redazione | Mariagrazia Dessi | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

“No ddi fait mancu zì (Non le fa manco zì)

“No ‘ollu chi prangiast”
gei m’arregodu
ca mi ddu narast
Ma  tui  ses ancora
sa mata mia
chi  cun ogus de luxi
mi castiat
intre is follas
chi cun d’ogna bentu
mi chistionant
Cussa  a froris grogus
chi no capit
in d’unu testu
e mancu in prazza
A frongias umbrosas
e arrexinis spainadas
E no ddi fait mancu zì *
s’aqua  ‘e funtana
Po i cussu prangiu
mancai  no ‘ollast
 
 
"Non voglio che tu pianga”
già mi ricordo
che me lo dicevi
Ma  tu sei ancora
la mia pianta
che con occhi di luce
mi guarda
tra le foglie
che  con ogni vento
mi parlano
Quella con i fiori gialli
che non ci sta
in un vaso
e neppure in cortile
Con  fronde ombrose
e  radici sparse
E non le fa manco zì *
l’acqua del pozzo
Per questo piango
anche se non vuoi
 

*zì : ancora in Sardegna lo dicono gli anziani,  dopo aver fatto schioccare l’unghia del pollice tra i denti e significa “Non basta!”.  Pertanto,  al posto di “E non le fa manco zì” , avrei potuto tradurre “E non le basta”, ma non posso, perché l’immortalità a mia madre gliela può dare anche un zì. Era splendidamente arrabbiata quando lo diceva.      
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2288 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferry
  • Antonio.T.
  • sid liscious