Antologia dei soci 2012/21013 - recensione di Lorenzo Bacco | Recensioni | rossovenexiano | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Antologia dei soci 2012/21013 - recensione di Lorenzo Bacco

Numerosi  Autori hanno dato vita con le loro Poesie all’Antologia di Rosso Venexiano, le opere sono state condivise nell’Associazione Culturale di Manuela Verbasi e con le loro liriche hanno vissuto e ne vivono l'essenza e di questa si vestono quotidianamente, nell’offerta d’empatia trasferita ai lettori. Evidentemente, questa essenza fa parte della loro esistenza e ogni attimo di assenza potrebbe sembrare eterno, parafrasando il pensiero della Poetessa Emily Dickinson. Antologia deriva dalla parola greca anthología dal significato originario di "raccolta di fiori" (da "ánthos", "fiore", e "légo", "raccolgo"): è uno strumento molto antico di raccolta di testi  estratti da opere più ampie. Tale Raccolta cavalca il tempo e lo spazio, perché fra cento anni qualche lettore troverà negli scaffali polverosi di una biblioteca le scritture di questi poeti che hanno cantato il tempo e lo spazio, nel disincanto armonioso della poesia, rendendo eterno l’amore, la natura, gli affetti più cari, arricchendo e “Orchestrando il mondo nel tripudio del canto, sulla scia del momento ad attendere la pausa con ardore.” [Adriana Mondo, L’orchestra della vita, versi 1-5, pag.4]. Gli elementi tutti, acqua, aria, terra, fuoco, sono presenti nelle liriche di questa Raccolta, oltre alla Vita e alla Morte e ai Ricordi dei Propri Cari, presenti nella stanza accanto e nello Spirito dei viventi. “Mamma Tu fosti e sei  la pargoletta che portò sulle spalle una fanciulla.  …  Mamma, nel dì cadente Noi sentimmo le lacrime del sole sulla pelle. [Giuseppina Ianiello, Mamma, Tu ovunque e sempre, versi 1-2, 14-17 pag. 179]. E ancora, “.. Il pensarti è tenero fra i morsi di tristezza che lo ammanta e quindi fuggo ancora per non cedere all’idea di non averti. [Manuela Verbasi, Il ricordo di te, versi 6-9 pag.224]. Sono questi i momenti di Amore che segnano questa Antologia nell’Eterna Via del Respiro del Tempo.
 
Lorenzo Bacco 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2663 visitatori collegati.