Questi scritti valgono il prezzo del biglietto 11 | Lingua italiana | sid liscious | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Filippo Minacapilli
  • sentinelladellanotte
  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza

Questi scritti valgono il prezzo del biglietto 11

Io non voglio suonare il piano forte!
A me lui da l'impressione di essere uno strumento delicato che va suonato piano piano... con dita felpate e tatto connesso.
<Be' suona il trombone allora che tutti rideranno sotto il cuoio capelluto causa banale peto/metafora>.
E non mi va nemmeno di spargere ritmi su una batteria.
Rischio di innescare un contatto e dopo la macchina mi lascia a piedi.
<La musica ti andrebbe ancora insomma... però gli strumenti te l'hanno precipitata in noia e la testa è stanca>.
È venuto l'infermiere e mi ha detto... "t'ho portato l'ultimo di Bob Dylan".
È buono gli ho risposto?
"Dignitoso" mi ha rimandato... "e niente più".
Ed aveva ragione cazzo... però un brano... Tin angel... è bello sul serio.
Oltre sette minuti di armonia che fa per me.
Il resto una noia medioevale suonata con strumenti in origine atti ai madrigali o robe del genere e...
non mi piace mangiare la zuppa di zucca.
Non è per niente accettabile infatti sentirsi la pancia piena degli stessi ingredienti che girano già per il cervello.
<Anche il mio hai ragione... su talune confusioni tematiche oramai sembra un'orchestra alla zucca.
Cioè oltre che alla frutta... alla verdura proprio>.
Ecco vedi come al solito non ne usciremo mai.
<Ed un combo musicale composto di sint sax drum machine theremin e musicanti del genere?
Magari si dimostrerebbe moderno assemblato con nomi strumentali così attuali.>
Per carità!
La zuppa di zucca sofisticata e progressiva è una trappola.
Ci cadi dentro pensando non è pari alle altre ed in realtà invece mangi mangi mangi la medesima zuppa di zucca prestampata e clonata nemmeno tanto generosamente... manco fosse caviale ed inoltre... dettaglio non trascurabile... esibendo sorrisetto demenziale.
<Dobbiamo accontentarci temo sia triste realtà consolidata.
A ragionare con chi fa una cosa all'inizio e poi visto che era piaciuta... continua a ripeterla rivoltandola e rigirandola tutta la vita... ti senti come se ingerendo la zuppa di zucca lei invece di scendere la pancia salisse in testa ed agisci di conseguenza>.
Eh sì!
Centro perfetto hai fatto amico... con codesto pensiero.
Le persone... nel nostro mondo... si sentono realizzate quando sanno di essere finalmente diventate una fabbrica di zuppe di zucca sufficientemente apprezzabili... e da lì non si smuovono convinti che tanto non la dovranno mangiare pure loro... bensì abbiamo visto falliscono alla grande.
Quindi... attenzione!... non è detto che sviluppare verso di lei una naturale allergia sia una roba partorita da una testa stanca...
mio simpatico amico.
Non è assolutamente detto.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2835 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • vinantal