Sviene l'Aquila, a Febbrili Altezze. | amore | Axel | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

Sviene l'Aquila, a Febbrili Altezze.


   
Alfabeti muti irregolari,
in rintocchi di piuma
a scandire le braccia
del tempo immaginato,
nelle rosse firme ai calici
d'alate metamorfosi,
o l'acqua di sirena
a spegnere gli artefatti
di lingue allo studio vive,
al corpo di nuove identità.
 
Foglie di mani ardite,
sulla via tortuosa
d'elisir di petali in solfeggio,
scalando mondi gemelli,
per virtuose lacrime
di fertili terre munte,
in abbandono al sole.
 
Si sciolgono i nodi,
tutto avviene quasi per caso,
in un lampo,
dalla terra al cielo.

 

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3284 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Raggiodiluna